Certamen Carolinum

Si è svolta sabato mattina, 17 maggio, nella sede della società letteraria Dante Alighieri, la premiazione del ÔÇÿCertamen Carolinum Francesca Meletti’,┬á gara di traduzione dal latino e dal greco per gli studenti degli istituti superiori di Modena e provincia, organizzato dal Liceo San Carlo, e giunto quest’anno alla ventesima edizione. 😉 Erano presenti gli studenti che si sono distinti nelle prove, i docenti, le autorità scolastiche, il sindaco della città, i direttori degli istituti bancari che hanno sostenuto economicamente l’iniziativa. Gli interventi sono stati accolti in un’atmosfera di grande compostezza ed ascolto, quale non è dato mai di assistere in altri convegni, impercettibilmente scossa dalla tensione dei ragazzi, incerti fino all’ultimo del premio spettante, ansia avvertibile in un rosicchiare di unghie, in un tremolio trasmesso alla sedia, nella contrattura dei volti. Negli interventi che si sono succeduti, i docenti hanno ribadito l’attualità degli studi classici , l’utilità nel percorso formativo degli studenti dell’esercizio di traduzione di versioni di greco e latino, declinate all’attenzione ed alla comprensione del pensiero dell’altro. Sono emersi alcuni elementi di disagio, di solitudine, e quasi di emarginazione della scuola e dei suoi valori rispetto alla società attuale, che a sua volta vive un delicato momento di transizione, situazioni che possono e devono essere superate attraverso il “fare cultura”, con l’impegno straordinario dei docenti, la partecipazione attiva degli studenti, l’integrazione con il mondo del lavoro, il sostegno degli istituti finanziari.┬á Giovani e cultura sono appunto gli investimenti su cui hanno puntato gli sponsor per uscire dalle secche di una crisi epocale in cui è precipitata la società italiana. Merito, competizione, cultura, passione, lavoro, sono gli strumenti necessari per superare l’emergenza scolastica ed il “rinuncianesimo”, preoccupante fenomeno dilagante fra gli studenti che rinunciano a studiare in quanto riconoscono l’inutilità e l’incapacità della scuola e dei suoi valori nel preparare i giovani ad affrontare la vita nella società contemporanea . Un manipolo di docenti appassionati, espressione di una cittadinanza attiva,┬á e di studenti motivati e meritevoli, punta dell’iceberg per├▓ di una platea ben più vasta, futura classe dirigente del nostro paese,┬á a cui è affidata la navicella della cultura, espressione dell’ animo umano essenziale per la convivenza civile, il progresso, e la democrazia nel nostro paese.

_________________________________

153° Unità d’Italia, 19 maggio 2014, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>