I pastori

(Gabriele d’Annunzio, Alcyone, 1903) Dopo la pausa estiva, a settembre si riprende il cammino. Andiamo. I pastori lasciano le montagne natie, scendono con le greggi al mare, sugli antichi sentieri dei padri, in armonia con la natura, rinnovano tradizioni ancestrali, radicate nei loro animi, immutate nel tempo, senza interrogarsi sui perchè. Ma per il poeta settembre e la transumanza delle greggi sono il tempo della riflessione sulla vita. Quanto sentiamo la nostalgia dei luoghi e delle tradizioni della nostra terra, che molti di noi hanno conosciuto da bambini e poi lasciato nell’età adulta! Il desiderio di una vita semplice, agreste, protetta dal ritmo delle stagioni e da antichi riti tramandati di generazione in generazione. E tuttavia, nel ricordo struggente del passato e nel desiderio di cambiar vita, intuiamo che quell’esperienza è conclusa, ed è irripetibile, perchè la nostra vita ha imboccato un sentiero nuovo e profondamente diverso, e siamo incapaci, nè desideriamo effettivamente di tornare al passato dei nostri antenati, se non con sterile nostalgia. Così, come d’Annunzio, proprio nel grido velleitario di comunione con la tradizione dei padri, che conclude la poesia, nascondiamo la colpa di non voler tornare al passato, la colpa di aver tradito definitivamente il legame con i nostri padri. (r.b.)

I PASTORI

Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare.
Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all’Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d’acqua nat├¡a
rimanga ne’ cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!

Ora lungh’esso il litoral cammina
la greggia. Senza mutamento è l’aria.
il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquío, calpestío, dolci romori.

Ah perché non son io co’ miei pastori?

_________________

Gabriele d’Annunzio

_______________

:roll: poesie

Parafrasi:

E’ settembre, è ora di andare. Ora nella terra degli Abruzzi i miei pastori lasciano i recinti e si dirigono verso il mare: scendono al mar Adriatico che è verde come i pascoli dei monti. Hanno bevuto alle fonti di montagna così che il sapore dell’acqua natale rimanga nei loro cuori esuli a conforto, e non faccia sentire sete lungo il cammino. Hanno rinnovato i loro bastoni di nocciolo. E camminano per l’antico sentiero che somiglia a un silenzioso fiume d’erba, camminano sulle tracce degli antichi padri. Sento la voce di colui che per primo vede lo scintillio del mare! Ora sulla sabbia cammina il gregge. Non tira un alito di vento. Il sole illumina la lana delle pecore che quasi non si distingue dalla sabbia. Le onde del mare, il calpestio, che dolci rumori. Ah perché io non sono con i miei pastori? (r.b.)

_____________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>