Alle fronde dei salici

(Salvatore Quasimodo, Giorno dopo giorno, 1944) XXV aprile 2012, festa della Liberazione. C’è un’Italia devastata dagli orrori della guerra e dall’ occupazione straniera. Una storia incredibile, ma realmente accaduta. Una storia che non possiamo consegnare all’oblio. Un’epoca di violenza e di crudeltà. Un’epoca disumana. Un tempo di angoscia, di dolore, di pianto. C’è un luogo per piangere. All’ombra del salice. Il cuore soffocato dal dolore non sa più cantare. E il poeta, privilegiato interprete del canto del cuore, pu├▓ solo tacere. La sua fragile voce oscilla come cetra appesa alle fronde dei salici, scosse da un vento disumano. Così fecero gli ebrei ai tempi della deportazione babilonese, sotto il giogo straniero, lontani dalla patria, incapaci di cantare. Salmo 136 (137), Sui fiumi di Babilonia. (r.b.)

 

 ALLE FRONDE DEI SALICI

 

E come potevamo noi cantare

con il piede straniero sopra il cuore,

fra i morti abbandonati nelle piazze

sull’erba dura di ghiaccio, al lamento

d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero

della madre che andava incontro al figlio

crocifisso sul palo del telegrafo?

Alle fronde dei salici, per voto,

anche le nostre cetre erano appese,

oscillavano lievi al triste vento.

 

 Salvatore   Quasimodo

atore   Quasimodo

___________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 22 aprile 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________

┬á< agli sportelli della fantasia <┬á┬á > la pioggia è luce >

indice poesie

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>