La piccola lampada

(Niccolò Tommaseo, 1802-1874)

La mia piccola lampa

Non, come sol, risplende,

Né, come incendio, fuma;

Non stride e non consuma,

Ma con la cima tende

Al ciel che me la diè.

Starà su me, sepolto,

Viva; né pioggia o vento,

Né in lei le età potranno;

E quei che passeranno

Erranti, a lume spento,

Lo accenderan da me.

 Niccolò    Tommaseo 

__________________________

L’amore per la giustizia ed il desiderio della conoscenza sono stati i grandi maestri della mia vita. Ho ammirato i prodigi e le leggi della natura, ho imparato a temere la sua irresistibile potenza, mi sono lasciato permeare dalle sue sembianze materiali, ho accolto con umiltà uguaglianza e benevolenza ogni essere vivente, ho amato la mia famiglia, ho cercato la pace e la fraternità, ho osservato le leggi dello Stato, ho conosciuto i limiti della natura umana, ho creduto nella natura, ho trovato un senso alla vita. La mia piccola lampada della fede nella giustizia e nella conoscenza, sostanze universali ed eterne, infuse necessariamente in me ed in tutti gli uomini perchè fatti degli stessi elementi del cosmo e soggetti alle medesime leggi, e quindi io stesso cosmo e con me l’intera umanità, saprà accendere i lumi spenti degli erranti, cioè di coloro che vagano senza intuire la presenza della divinità, come fa, diversamente, secondo il poeta, la sua umile fede in Dio, onnipotente ed eterna perchè dono ed immagine della sapienza e della bontà divina? (r.b.)

___________________

151° Unità d’Italia, Modena 23 settembre 2012, Beretta Roberto

_____________________________________________________

< cantico di un pastore errante dell’Asia <  > la signorina Felicita >

 :roll: poesie

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>