Il caso Sallusti – XIII

13. SOVRANITA’ POPOLARE. Difesa della casta giornalistica, attacco alla magistratura ed alle leggi dello Stato, inconcludente polverone politico, mistificazione della realtà, capovolgimento delle categorie vittima-colpevole, accanimento giudiziario, errori giudiziari. In sintesi malagiustizia e giustizia ingiusta sono i due messaggi trasmessi prepotentemente dalle dichiarazioni e dai commenti di giornalisti e politici. Si radica sempre più nell’opinione pubblica il convincimento di una giustizia matrigna che strangola la libertà del cittadino. E poiché ┬ále leggi sono ingiuste e i giudici dei criminali, diventa lecito sottrarsi alla legge e disobbedirvi, rispondendo ad una giustizia arbitraria, relativa, individuale. Anticamera dell’illegalità e 👿 serva delle prepotenze del più forte. Il caso Sallusti-Dreyfus ha evidenziato che la Stampa, accorsa inorridita in difesa di una sua prerogativa apparentemente minacciata, la libertà di stampa appunto e di opinione, ha confuso un diritto sacrosanto con la licenza non accettabile di strapazzare chiunque a suo piacimento sulla base di notizie false, senza voler sottostare ad alcuna norma deontologica né ad alcun richiamo delle leggi vigenti. La Stampa si scopre dunque ergersi al di sopra della legge. Assolve e condanna sostituendosi alla magistratura. Scopre l’acqua calda chi afferma che i media sono sempre stati strumenti, ed ancora più lo sono adesso nella nostra età contemporanea, coi quali forgiare e conformare l’opinione pubblica alle visioni ed ai disegni e per le finalità di pochi, a volte purtroppo anche per mezzo di manipolazioni forzose dei fatti, i quali rappresentano il cordone ombelicale con il giornalismo delle origini ÔÇô o era così fin dall’origine ? -, ammesso che dei fatti il giornalismo moderno abbia ancora bisogno. Ma si è andati ben al di là del controllo dell’opinione pubblica. Così sulle pagine di uno dei maggiori quotidiani nazionali si pu├▓ leggere per esempio che il giornalista si appella al “popolo sovrano”, cioè ai lettori ed ai cittadini, quale ultimo giudice di ci├▓ che scrivono i giornalisti, poiché “la giustizia è amministrata in nome del popolo”. E’ qui evidente che il giornalista è al disopra della legge dello Stato, perché solo il popolo è depositario della legge, e a lui si sottomette. Immagino che la sentenza potrebbe essere di assoluzione, “continuo a comprare questo giornale”, oppure di condanna “da domani cambio quotidiano”. E’ Lo stesso rilancio al popolo che abbiamo sentito da vent’anni a questa parte ripetere dal politico di turno indagato o sentenziato dalla magistratura e dalla legge dello Stato. Se sono colpevole il popolo non mi voterà, se sono innocente mi voterà di nuovo. Oppure, ribaltando perniciosamente i termini: se il popolo mi vota vuol dire che sono innocente, se non mi vota, sono invece colpevole. Il “popolo sovrano” è dunque la┬álegge e il giudice. E alla testa del popolo, vi sono, si intende, i suoi capipopolo di turno.

 fine

IL CASO SALLUSTI

< XII. un innocente condannato <

__________________________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 15 ottobre 2012, Beretta Roberto

_______________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>