Cancellato vitalizio senatori

Prime buone notizie sul fronte del contenimento dei costi della politica. L’ufficio di Presidenza del Senato, ha approvato la cancellazione dell’assegno vitalizio parlamentare (la pensione dei parlamentari) a partire dalla prossima legislatura. La decisione segue di pochi mesi l’analoga della Presidenza della Camera dei Deputati. Il Presidente Schifani non poteva essere secondo a nessuno. Per capire l’entità del sacrificio dei futuri parlamentari, leggiamo cosa prevede l’attuale Regolamento della Camera.┬áIl deputato che abbia compiuto 5 anni di mandato effettivo riceve il vitalizio a partire dal 65ò anno di età (il limite di età pu├▓ diminuire fino al 60ò anno, in relazione agli anni di mandato parlamentare effettivamente svolti). Il vitalizio pu├▓ variare da un minimo del 20% ad un massimo del 60% per cento dell’indennità parlamentare, sempre a seconda degli anni di mandato. Ora, a decorrere dal 2011, l’indennità parlamentare mensile per il deputato è pari a 5.246,97 euro netti. La ritenuta della quota contributiva per l’assegno vitalizio è di Ôé¼ 1.006,51. Il parlamentare pu├▓ scegliere inoltre di versare il contributo di reversibilità del vitalizio (circa 250 euro). Facendo i conti il vitalizio pu├▓ quindi variare da 1.049 a 3.147 euro mensili. Se si investe cento, si pu├▓ incassare fino a trecento, cioè tre volte tanto, e prima del tempo, purchè si conservi il posto più a lungo e, optando per la reversibilità, si potrà beneficiare della lauta rendita parlamentare pure il coniuge, che in Parlamento non c’è mai stato. Percepiscono il vitalizio 1464 ex-deputati ed 843 ex-senatori. A questi ex si aggiungeranno le decine (o centinaia) di prossimi ex che andranno in pensione allo scadere della legislatura nel 2013. E da ultimo, non si dimentichino i consiglieri regionali. Lascio al lettore il compito di fare le moltiplicazioni e riflettere sulla cifra da capogiro ottenuta.

Altri piccoli risparmi per circa quasi quattro milioni di euro su un totale di quasi seicento milioni di spese nel 2011 per Palazzo Madama, sono stati predisposti con tagli al ristorante – i senatori pagheranno i due terzi contro il terzo attuale del conto del ristorante (risparmio 250.000 euro comprendendo anche i dipendenti) ÔÇô consultazione a computer degli atti parlamentari che solo in minima parte saranno stampati su carta (1,5 milioni), riduzione dei benefit sulle assicurazioni infortunistiche (3,8 milioni), taglio dei costi dell’informatica (0,7 milioni), riduzione delle spese per la manutenzione ordinaria e straordinaria (0,9 milioni), riduzione degli acquisti di beni di consumo (agendine in pelle, ÔǪ , 247.000 euro). La diaria del senatore (*), sarà decurtata in proporzione alle assenze dalle sedute delle Giunte e delle Commissioni, oltre che dalle assenze in aula.

Si poteva fare di più ? Si tratta di un segnale importante, altre timide iniziative di riduzione dei costi della politica sono già state attuate a partire dal precedente anno. L’elenco dei privilegi rimane ancora lungo ed incomprensibile ÔÇô si veda per esempio il volantino pubblicato sul sito il 13 ottobre, a titolo Gaetano Ferrieri, oppure il sito della Camera dei Deputati ÔÇô ma il vitalizio, nella forma prevista e nel momento attuale, è sicuramente il più perverso ed ingiusto privilegio agli occhi della gente cui si dovrà chiedere uno sforzo sulle pensioni. E allora bisogna dare atto alla classe politica di aver┬áfinalmente mostrato iniziali segni di ravvedimento e┬ála volontà di fare la propria parte in questo grave momenti di crisi.

Certo, anticipare la cancellazione del privilegio pensionistico all’attuale legislatura, sarebbe stato chiedere un gesto eroico, di cui non tutti gli onorevoli in carica sembrano avere istruzioni al riguardo nel loro DNA. Si sacrifichino i futuri parlamentari. D’altra parte bisogna anche capirli. Sfido chiunque a rinunciare volontariamente ad un vitalizio di tremila euro che è qui, a portata di mano, fra qualche mese soltanto, basta resistere ancora un poco … Alzi la mano chi al loro posto avrebbe rinunciato di sua iniziativa ÔǪ

Eppure ci sono molti buoni amministratori, in parlamento e nei consigli regionali, che in questi giorni fanno sentire la loro voce con coraggio per un gesto più audace e magnanimo. Forse perché veramente onesti e spinti da grande forza morale e senso civico, forse perché contano sul fatto che tanto la loro proposta non verrà mai votata essendo minoritaria, forse per disciplina di partito, forse infine perché folli, lasciatemi pure tutti questi dubbi, ma qualche onest’uomo c’è. Un deputato si è spinto ancora più in là: ” ÔǪ il taglio deve partire dai parlamentari in carica e dagli ex non ancora andati in pensione”. Giudicate voi la sincerità e la fattibilità della proposta nel quadro attuale. Segnalo i fatti per dovere di cronaca, e per non fare di ogni erba un fascio, per evitare cioè di cadere nel qualunquistico, quanto inconcludente e pericoloso “tanto son tutti uguali”.

Ricordo infine che il vitalizio è stato abolito, ma anche qui con decorrenza dal prossimo rinnovo delle assemblee regionali, dalla regione Molise (139 vitalizi per 5,7 milioni di euro), dalla Sardegna (293, 17 milioni), dall’Emilia Romagna (prima fra tutte), dall’Umbria e, per quanto mi risulta, sarà oggetto di discussione a breve in alcune altre regioni, fra cui la Lombardia. Come si vede si è innescata una reazione a catena.

(*) Diaria = indennità riconosciuta al parlamentare a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma

Fonti: sito della camera dei deputati www.camera.it, La Repubblica di oggi, siti web

_______________

Modena 26 Novembre 2011, Beretta Roberto

 _________

 

Articoli correlati: Gaetano Ferrieri

┬áleggi gli altri articoli di attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>