La bandiera tricolore II

tricolore 391

Ma ormai il dado è tratto, non si torna indietro. La nostra bandiera si muove leggera sfoggiando i suoi colori, riposa per qualche istante penzoloni nel vuoto, si anima ancora sotto un nuovo fugace impulso dell’aria. Scrutiamo incantati i suoi sbuffi, come si fa con i nuovi arrivati, curiosi di conoscerla, la nostra compagna. Gli occhi traguardano i palazzi opposti di là, oltre la strada, fuggono per lo stretto pertugio creato dalla via dirimpetto, lo spazio cittadino si apre, si dilata lontano, si vedono i campi e la pianura ed altre nominate città e campanili e chiese e colline e i fiumi studiati e montagne eccelse ed abbaglianti ghiacciai e tremolanti marine e uomini che hanno la nostra stessa storia e la stessa cultura e parlano la stessa lingua. Adesso non siamo più soli. Apparteniamo (ed essa ci appartiene) – a questa nazione, che finalmente sentiamo per mezzo della nostra bandiera. Seduta al tavolo della stanza accanto mentre scrivo queste righe, essa, cioè lei, non smette di sbirciare e mi fa l’occhiolino alla finestra gonfiando il rosso che trascina il candido bianco ed una strisciolina di verde. Mi sento osservata protetta libera. Adesso che faccio i compiti, sento una grande responsabilità, perché non imparo più per me, ma per fare grande questo nostro paese. Con l’aiuto di mamma e di mia sorella e di mio fratello prepariamo nastri e coccarde e fiocchi tricolori che mio papà indosserà ogni giorno al lavoro per tutto l’anno e regalerà ai suoi colleghi e ad ogni persona che incontrerà. Sarà il distintivo che ci ricorderà d’ora in avanti che siamo parte di un tutto, e che questo tutto è la nostra amata patria Italia, senza la quale la nostra esistenza non solo non sarebbe possibile, in quanto abbiamo bisogno del lavoro e dell’aiuto dei nostri fratelli, ma non avrebbe neppure significato, poichè non è il singolo individuo che conta ma il bene e la prosperità della comunità.

Nei giorni e nei mesi successivi abbiamo scoperto che il nostro tricolore ha bisogno di essere protetto e coccolato in continuazione. Non sta mai fermo, gioca, sbuffa, fa delle giravolte, e spesso finisce sempre per arrotolarsi sull’asta, rimanendo lì fisso, legato, impotente, storto, e come un gattino che girando e saltando e correndo dietro al gomitolo si ritrova legato nel suo filo, incapace più di muovere se non la coda ed il muso, ti guarda stupito, così la nostra bandiera ogni giorno cerca la mia attenzione e mi aspetta, ed io di tanto in tanto la vado a trovare e quando la sorprendo legata la srotolo rendendole la libertà perduta. Senza di me, come un bimbo che ha bisogno della mamma, non sa e non può stare.

__________________________________

Modena, 5 ottobre 2011

Chiara e Roberto Beretta

leggi la prima parte: la bandiera tricolore

_______________________________________________________

Liberamente ispirato al racconto “I soldati”, Martedì 22 Novembre, Cuore, E. De Amicis

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Novembre/I_soldati

Cuore torna il 12 ottobre

< la bandiera tricolore prima parte <  > il mio compagno Webber >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>