IV novembre

😉 guarda il video >

IV NOVEMBRE. Cos’è ? E’ l’Anniversario della Vittoria italiana nella prima guerra mondiale. E’ la Giornata delle Forze armate. E’ il Giorno dell’Unità Nazionale. Tre eventi evidentemente minori perché devono coalizzarsi per fare una festività, da celebrarsi la prima domenica di novembre. Ma per fortuna l’Unità d’Italia ha un’altra sua Giornata, il 17 marzo, assieme alla Costituzione, all’Inno, alla Bandiera.

😉 Ho seguito la celebrazione a Verano Brianza, paese dell’hinterland milanese. Alzabandiera, corteo, messa, cerimonia al monumento ai caduti al cimitero, con discorso del sindaco e del sindaco dei ragazzi, preghiera del parroco, omaggio ai partigiani della seconda guerra.

Per noi tutti, il IV novembre è l’anniversario della vittoria italiana nella prima guerra mondiale. Una nazione in lutto per seicentocinquantamila uomini che hanno perso la vita, per quasi un milione di feriti, per centoventimila invalidi di guerra (*), attori di una guerra che la stragrande maggioranza di loro non aveva cercato né aveva voluto, ma nella quale tutti si sono battuti “accomunati dalla bandiera tricolore ÔǪ uniti da un comune ideale e dallo spirito di sacrificio per il bene della Nazione ÔǪ in un solo grande grido, Viva l’Italia” (**). Sì, c’è un po’ di retorica patriottica. Ma noi siamo nazione, siamo uniti e liberi grazie al loro sacrificio. Chi potrebbe negarlo? E’ possibile dimenticare ci├▓ che fecero i nostri padri? Quale figlio sarebbe tanto insensato? Noi ricordiamo.

Al cospetto del monumento, nel discorso celebrativo, ricordato il sacrificio dei caduti nella grande guerra, ringraziate le Forze Armate per l’impegno nelle missioni di pace e nei corpi della protezione civile, lo sconforto deve essersi impadronito del sindaco del paese, davanti alla cittadinanza presente in numero proporzionale alla percezione della festa nel Paese (P maiuscola), rari nantes in gurgite vasto, quando è giunto a commentare il terzo evento della giornata, l’unità nazionale, aihmè, tasto dolente. Come uomo delle istituzioni si è per├▓ subito ricordato di quale sia il dovere di un servitore della comunità di fronte alle avversità, e in poche pennellate è riuscito mirabilmente ad individuare l’origine (antica) dei nostri mali e ad indicare la via maestra per sanare la grave situazione in cui versa la nostra Italia, cioè noi, ed ecco quindi la causa: “perché non siam popolo, perché siamo divisi” (dall’Inno di Mameli), ed ecco la via (di solito ci lamentiamo che non sappiamo cosa fare): “riflettere sul significato dell’essere e sentirsi parte di una nazione”, superare le divisioni, cantare l’inno, unirsi sotto un’unica bandiera tricolore. Religione civile.

Nel paese, lungo il percorso del corteo c’erano tante bandiere ai balconi, ai davanzali, sugli edifici pubblici (municipio biblioteca viale dei caduti), esposte dai cittadini e con il contributo delle associazioni. Mi piace pensare che siano il risultato tangibile, l’espressione visibile dei sentimenti patriottici, che il sindaco ha voluto seminare nel cuore e nelle menti dei suoi cittadini negli anni, ed anche oggi, nella sua esortazione morale ai veranesi (anche ex) presenti ed agli italiani. Per chi è interessato, il testo integrale del messaggio è disponibile qui sotto, altrimenti si pu├▓ ascoltarlo nel video (cliccare sull’immagine di copertina).

                                 

(*) i numeri sono tratti dalla pubblicazione Verano Ricorda i nostri soldati Artiglieri, Assaltatori, Bersaglieri, Cavalleggeri, Mitraglieri, Territoriali e Sanità. Grande┬á Guerra 1915 /1918, di Davide Tonicello, in collaborazione con Associazione Nazione Combattenti e Reduci ÔÇô Verano Brianza, ed il Comune di Verano Brianza;

(**) dalla presentazione della stessa pubblicazione è tratto questo virgolettato del sindaco, Renato Casati; ┬á

____________________

152° Unità d’Italia, 4 novembre 2013, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________________

Celebrazioni e ricorrenze

_____________________________________________________

IV Novembre 2013

Discorso del Sindaco di Verano Brianza

alla cittadinanza riunita davanti al Monumento ai Caduti

Siamo qui oggi riuniti per celebrare il 95ò anniversario della vittoria nella prima guerra mondiale, la giornata delle Forze Armate, la festa dell’Unità Nazionale. Personalmente mi trovo a celebrare questi tre eventi diversi con tre approcci e stati d’animo diversi. Guardando il nome dei caduti immortalati su questa lapide, mi sento onorato e orgoglioso di celebrare il 95ò anniversario della vittoria nella prima guerra mondiale, e di avere l’opportunità di commemorare e piangere tante giovani vite atrocemente spezzate e di mantenere vivo il ricordo del loro sacrificio per tramandarlo come memoria e monito alle future generazioni. Grazie ragazzi.

E mi sento altrettanto orgoglioso ed onorato di poter esprimere alle nostre forze armate e alle forze dell’ordine la più sincera gratitudine per il loro impegno a salvaguardia della democrazia e delle istituzioni e della sicurezza dei cittadini, per i loro interventi di soccorso e di assistenza in occasione delle catastrofi e delle calamità naturali, per le loro missioni in ogni parte del mondo, ove ci sia la necessità di salvaguardare la pace e contrastare il terrorismo. Grazie ragazzi anche a voi.

Ma, ahimè, provo un senso di rammarico, di delusione, e di frustrazione, nel celebrare l’Unità Nazionale, una cerimonia che si ripete da 95 anni. Per 95 anni sono stati ripetuti in ogni angolo d’Italia discorsi, appelli ed esortazioni all’Unità Nazionale. Ma dopo 95 anni siamo qui, ancora a constatare che c’è molto da fare per completare il processo di unificazione spirituale e morale del nostro paese, iniziato con le lotte del risorgimento.

Se neanche la grave crisi economica, che da anni ci sta travagliando, è riuscita a compattare gli italiani e a renderli più uniti, più coesi, e più solidali, per far fronte comune alla gravità della situazione, mi chiedo cosa mai potrà riuscirci. Lo sconforto tuttavia deve lasciare spazio al dovere che ciascuno di noi ha di continuare a credere che l’unità nazionale nel senso più ampio e nobile dell’accezione sia un bene fondamentale e indispensabile per la nostra crescita, per il nostro benessere, e per quello delle future generazioni. Proviamo ancora una volta a riflettere ed a meditare sul significato dell’essere e sentirsi parte di una nazione, di una comunità in cui tante persone ispirate ad un ideale di patria, giunsero a sacrificare il bene supremo della vita.

Quando viene suonato e cantato l’inno di Mameli negli stadi ed in alcune manifestazioni pubbliche, è bello vedere la gente che si porta la mano destra sul petto,┬á vicino al cuore. E’ bello ma non basta. Le emozioni e i sentimenti che suscitano il nostro inno nazionale devono penetrare nel nostro cuore e rimanere sempre vivi in ogni momento e in ogni atto della nostra vita, per farci sentire tutti veramente fratelli d’Italia. E’ un vero peccato che pochi conoscano e nessuno canti la seconda strofa dell’inno, scritta da Goffredo Mameli nel 1847, quella che recita : “noi siamo da secoli calpesti e derisi /perché non siam popolo / perché siam divisi”. Queste parole dovrebbero essere cantate con enfasi e rappresentare un severo monito per chi storpia o peggio ostacola il valore dell’Unità Nazionale. A volte la storia si ripete. Auguriamoci di no, almeno per quanto riguarda l’umiliazione di essere calpestati e derisi.

Viva l’Italia unita. Viva le Forze Armate.

____________________________

Renato Casati, sindaco di Verano Brianza (MB)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>