Pianto antico

(Giosuè Carducci, da: Rime Nuove, 1871). La poesia Pianto Antico è un componimento poetico di Giosuè Carducci, poeta vissuto durante il periodo verista e che fu anche prosatore e critico. La lirica è stata scritta nel 1871 in ricordo del figlio Dante morto in tenerissima età. 😥 La metrica è composta da quattro quartine di settenari dove il primo verso è libero, il secondo rima con il terzo, mentre il quarto, tronco, rima con l’ultimo di ogni quartina. La poesia si divide in due parti contrapposte, di luce di calore e di vita la prima, di tenebra di freddo e di morte la seconda. Nelle prime due strofe Carducci ci presenta l’immagine dell’ albero di melograno, che simboleggia la vita intesa come luce, gioia, calore, vitalità. L’albero dai bei fiori vermigli, che rifiorisce ad ogni primavera, è simbolo di fertilità, vitalità della natura, rinascita, risurrezione. La terza e la quarta strofa invece sono cariche di immagini di dolore che si contrappongono e negano la precedente visione. Il fiore della pianta del poeta è morto e la sua pianta è inaridita, la sua vita è inutile, senza futuro. La morte, privazione di calore e di luce, negazione della gioia e dell’amore, è contrapposta alla vita, rappresentata dall’albero di melograno in rifiorire. Il poeta sembra sconfitto, rassegnato, ed impossibilitato a provare nuovamente gioia davanti alla periodica rinascita del melograno. Nella lirica questi elementi sono sottolineati da alcune figure retoriche come la personificazione “muto orto solingo”, la metafora “fior della mia pianta”, e le anafore “sei … sei” e “né … né” dell’ultima strofa. La ripetizione vuole sottolineare l’irreversibilità e l’immutabilità della morte. (chiara beretta).

_____________________________

PIANTO ANTICO

 

L’albero a cui tendevi

la pargoletta mano

il verde melograno

dai bei vermigli fior,

nel muto orto solingo

rinverdì tutto or ora

e giugno lo ristora

di luce e di calor.

Tu fior della mia pianta

percossa e inaridita,

tu de l’inutil vita

estremo unico fior,

sei nella terra fredda,

sei nella terra negra

né il sol più ti rallegra

né ti risveglia amor.

 Giosuè     Carducci  

______________________

152° Unità d’Italia, 16 giugno 2013, Beretta Chiara

________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>