Fuori il tricolore

Oggi, come ogni 11 di febbraio, abbiamo ammainato la bandiera esposta sul corso, bisognosa di manutenzione, esausta dopo trecentosessantacinque giorni di insulti atmosferici e logorata da polveri e smog cittadino. Il suo posto è stato subito preso da quella nuova fiammante, vivace, scalpitante, che quest’anno abbiamo commissionato a Salvatore. Egli l’ha cucita con precisione assoluta vincendo la stoffa ribelle. In effetti sapevamo che nessuno poteva fare┬ádi meglio.

Mettere la bandiera alla propria casa significa testimoniare appartenenza, identità, unità, significa impegnarsi ad attuare la Costituzione e a rispettare le leggi, significa saper ascoltare, essere tolleranti, significa voler essere leali ed onesti, significa amare il proprio paese, rispettare l’ambiente, promuovere la cultura, valorizzare il patrimonio artistico, realizzare la pace, significa desiderare di lavorare con tutti gli italiani di buona volontà per rendere più bello e più grande questo nostro paese.

___________________________

153° Unità d’Italia, 11 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>