La casta e i cittadini

E’ davvero necessario in questa fase storica tutelare la dignità e l’onore del parlamentare, consentirgli di esercitare il suo mandato con serenità, attraverso una qualche forma di immunità che lo protegga da complotti, da supposti attacchi politici mascherati da indagini giudiziarie ?

Non bisogna dimenticare che i parlamentari sono cittadini chiamati da altri cittadini mediante libere elezioni, e per un periodo di tempo limitato, ad amministrare la cosa pubblica, ed il cui operato ha come unico scopoil conseguimento del bene comune. Ancor prima di amministratori essi dunque sono cittadini e perciò soggetti alla legge, che la Costituzione stabilisce essere uguale per tutti: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di […] condizioni personali e sociali. […] (art.3). Agli eletti viene richiesto tuttavia un impegno particolare nello svolgimento dell’incarico che è stato loro affidato, per loro è riservato un appello ad una maggiore responsabilità, infatti “Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzione pubbliche hanno il dovere di adempierle, con disciplina ed onore […]” (art. 54). La magistratura ha il dovere di vigilare sul comportamento dei cittadini e dunque anche dei parlamentari in merito all’osservanza della legge (obbligatorietà dell’azione penale, art 112).

Un parlamentare che sia iscritto nel registro degli indagati, che sia rinviato a giudizio, o su cui pende una richiesta d’arresto, deve sentire l’obbligo morale di dimettersi, perché o è colpevole e dunque ha tradito il dettato dell’ art. 54 non avendo adempiuto con disciplina ed onore alle funzioni pubbliche affidategli, e non può quindi continuare a ricoprire la carica elettiva, o è innocente e allora è suo precipuo interesse consentire senza impedimenti ed artifici l’indagine sul proprio operato per dimostrare la sua estraneità ai fatti dinnanzi al magistrato e difendere così a testa alta la propria onorabilità pubblicamente davanti agli elettori e principalmente ai propri elettori. Non è infatti perseguibile la ricerca del bene pubblico quando viene meno la fiducia della comunità dei cittadini. Sentendosi quest’ultima tradita, viene a mancare il sostegno e di conseguenza virtualmente la delega precedentemente accordata, in una parola il presupposto alla funzione pubblica esercitata. Il politico deve sentire il bisogno di ristabilire la fiducia dimostrando pubblicamente davanti al giudice la propria innocenza. La sua carica dovrà essere temporaneamente vicariata ed egli potrà ritornare in possesso a pieno titolo, se lo desidera, una volta riabilitato.

Perciò nessuna forma di immunità o di privilegio è necessario derivare dalla carica attribuita. L’art. 68 della Costituzione, che specifica che “[…] Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che […] Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza”, tale articolo scritto a garanzia dei parlamentari, come conseguenza delle considerazioni fatte, eccettuato il primo paragrafo che ho omesso, diventa pertanto nei fatti superfluo.

Oggi questo dettato costituzionale, ha consentito la trasformazione del Parlamento in una fortezza dove trovano rifugio e protezione cittadini sotto inchiesta o rinviati a giudizio o perfino anche condannati in vari gradi di giudizio. Vi si trovano i seguenti reati: finanziamento illecito ai partiti, concorso esterno in associazione mafiosa, millantato credito, corruzione, falso ed abuso d’ufficio, truffa, lesioni e minacce, sfruttamento della prostituzione minorile, peculato, diffamazione, bancarotta fraudolenta, appropriazione indebita e ricettazione, sovversione e banda armata, propaganda di idee razziste (fonte: La Repubblica 22/7/2011). L’investitura popolare non può essere accampata a giustificazione della sottrazione all’azione della magistratura. Il voto popolare non cancella la perseguibilità del reato (se reato naturalmente c’è stato).

E’ segno di buona salute delle istituzioni che un amministratore di una certa caratura, in questi giorni coinvolto in un inchiesta per concussione, corruzione e finanziamento illecito ai partiti, senza perdita di tempo abbia sentito il dovere di autosospendersi lasciando una prestigiosa carica pubblica. Gli auguro di tornare presto al suo posto, completamente scagionato dalle accuse. Come pure bisogna dare atto ed onorare la dignità ed il coraggio mostrati da un altro protagonista di queste ore che, nonostante abbia voluto attendere maliziosamente la pronuncia del Parlamento sulla richiesta di arresto, si è consegnato subito dopo spontaneamente, a quanto è dato sapere, alle forze dell’ordine, gesto che lo ha riscattato immediatamente davanti all’opinione pubblica, suscitando in tutti sentimenti di compassione e solidarietà per le dure prove che lo attendono, innocente o colpevole che sia. Purtroppo la loro sensibilità non ha contagiato un altro protagonista di queste ore che, ottenuto il salvacondotto dai colleghi, ha deciso di continuare la latitanza nella fortezza di Palazzo Madama, e paradossalmente dopo aver chiesto a gran voce al Senato della Repubblica di autorizzare il suo arresto! Ma potrà resistere a lungo?

Davvero una distanza siderale separa ed allontana i cittadini dagli eletti, crescente di ora in ora, misurabile nella manovra economica che si è abbattuta sui ceti medio bassi ed ha risparmiato il palazzo, nell’inammissibile diversità davanti alla legge fra cittadini e casta, nei privilegi intoccabili e sempre intoccati, nella protervia e nella volgarità ostentata da un notabile e dal politico di turno atterrato con tanto di elicottero ad una festa del peperoncino (che ci era andato a fare ?) nei confronti di un malcapitato cittadino lì presente, maltrattato ed insultato per aver modestamente domandato se non ci si poteva venire anche in auto (evidentemente con gran risparmio di soldi pubblici).

Modena, 23 Luglio 2011

Beretta Roberto

___________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>