Stato ed Antistato

Forse qualcuno si sarà scandalizzato ieri sera nel vedere un pregiudicato per frode fiscale salire al Quirinale per essere consultato dal Capo dello Stato in merito alla formazione di un nuovo governo della Repubblica. In realtà ci├▓ non deve sorprendere, poichè nei fatti gli italiani non considerano più disonorevole rivestire una funzione pubblica da parte di chi ha commesso un reato. Né ancor meno considerano motivo di imbarazzo eludere le leggi, anzi spesso si giustificano, si autoassolvono, e qualche volta se ne fanno addirittura vanto. A Ferrara, i quattro agenti pregiudicati per “eccesso colposo in omicidio colposo” di Federico Aldrovandi, scontata la pena – tre anni e mezzo di carcere, ridotti a sei mesi per indulto (sic!) – sono stati reintegrati in servizio in ruoli amministrativi. 👿 I pregiudicati non si sentono imbarazzati, non provano più vergogna, non si rendono conto di aver arrecato danno alla comunità. Sono sereni, vanno a testa alta, vogliono guardare negli occhi i difensori delle leggi in segno di sfida. A ben guardare, si sono dunque a ragione conquistati sul campo il diritto di cittadinanza al Palazzo del Quirinale, con pari dignità del legittimo inquilino. L’Antistato ha diritto di esistere. Scriveremo presto un’Anticostituzione. Così che l’Antistato possa alfine incarnare lo Stato. Uno e bino.

_________________________

152° Unità d’Italia, 16 febbraio 2014, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>