Lavorare creare donare

La morte di Michele Ferrero, “inventore” della Nutella, ci ha fatto conoscere non solo il talento di un uomo che ha costruito uno dei maggiori gruppi dell’industria dolciaria mondiale, ma soprattutto ci ha portato a riflettere, attraverso l’esempio che ha voluto dare nella sua attività imprenditoriale e nei rapporti con i dipendenti, sull’etica del capitalismo.

Così abbiamo scoperto, fra l’altro, che Ferrero ha messo al centro della fabbrica non il profitto ma i suoi dipendenti, arrivando al punto di creare per loro una fondazione dalla valenza sociale, il cui fine è quello di dare assistenza socio-sanitaria agli anziani ex-dipendenti e, complementare a questo obiettivo, di promuovere attività culturali in ambito letterario, artistico, storico.

Così un imprenditore ci ricorda sorprendentemente che la fabbrica deve rimettere al centro la persona ed il bene comune. Infatti il motto della fondazione, “lavorare creare donare” ci insegna che:

1) il lavoro deve rispettare la dignità della persona,┬á2) il lavoratore crea con talento e responsabilità per costruire orizzonti nuovi,┬á3) il prodotto di questa attività creativa non è fine a sé stesso, ma è rivolto al benessere della comunità.

Il capitalismo pu├▓, e deve, rimettere al centro la persona.

________________________________

153° Unità d’Italia, 19 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

______________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>