Primavere d’Italia

Mi sono domandato spesso come si può realizzare nel quotidiano l’unità d’Italia. Le giornate di primavera del FAI ce lo ricordano puntualmente ogni anno. Il patrimonio artistico italiano è diffuso, capillare. In ogni paese e città c’è una chiesa, un palazzo o una villa antica, una piazza storica, un monumento, ovunque una torre, un castello, una cappella sul sentiero, una biblioteca, un sito archeologico, un museo, una casa colonica, una masseria, una cascina, una fabbrica, un cimitero … Il nostro paese è punteggiato di elementi che sono i luoghi della nostra memoria. Testimoni della nostra storia. Testimoni di epoche dove c’era posto per la bellezza. Opere dei nostri padri. Radici. Visitare questi luoghi, conoscerli e farli conoscere, difenderli dall’incuria, prendersi cura di un monumento, raccogliere fondi per il restauro, sono azioni del quotidiano, accessibili a tutti, che ci fanno sentire parte viva di una comunità che attraverso la conservazione e la fruizione del patrimonio comune vuole realizzare sé stessa. Saranno forse quelle frotte di giovani ciceroni o le code di cittadini davanti ai siti d’arte o forse semplicemente quella leggerezza di primavera, che fanno aprire oggi il cuore alla speranza di una nazione consapevole della propria identità.

__________________________________________

155° Unità d’Italia, 19 marzo 2016, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>