Domenica, no grazie

 

Si è conclusa la raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che cambi la normativa sulle liberalizzazioni delle aperture domenicali e festività delle attività commerciali, riportandola nell’ambito delle competenze regionali. La liberalizzazione dell’apertura domenicale era stata introdotta dal decreto ÔÇÿSalvaitalia’ del governo Monti. :-) Lo scorso 14 maggio, una delegazione della Confesercenti ha presentato tale proposta di legge alla Camera dei Deputati. Il progetto è sostenuto anche dalla CEI, la Commissione Episcopale Italiana. Con questa iniziativa, denominata ÔÇÿliberaladomenica‘, sono state raccolte 150.000 firme (a Modena sono state 4.000), molte di più di quelle necessarie previste dalla legislazione in materia. L’apertura domenicale continuativa delle attività commerciali non beneficia piccoli commercianti ed artigiani, ma al contrario li penalizza, favorendo i centri commerciali e la grande distribuzione, gli unici in grado di tenere aperto ogni domenica ed ogni festività, perché in grado di assumere personale su turnazione. Dallo scorso anno, dopo l’approvazione del decreto ÔÇÿSalvaitalia’, su facebook si sono creati gruppi spontanei, ÔÇÿapolitici’, di titolari e dipendenti, al fine di far conoscere il disagio della categoria, e promuovere il progetto ÔÇÿliberaladomenica’. I piccoli esercenti non sono contrari in linea di principio all’apertura dei negozi nelle domeniche, anzi ritengono che l’apertura domenicale faccia bene alle attività commerciali, tuttavia chiedono di limitare le aperture ad un numero limitato di domeniche per evitare la concorrenza insostenibile, sleale benché legalizzata, dei centri commerciali ed il ÔÇÿfurto’ di fatturato alla piccola impresa verso la grande distribuzione (nel senso che se compri un qualcosa al supermercato non lo compri al negozietto, e i soldi rimangono al primo che si arricchisce e non al secondo che è costretto a chiudere). Le aperture domenicali continuative implicano anche risvolti sociali e relazionali che vanno al di là della semplice valenza commerciale. Conosciamo la domenica come giorno del riposo lavorativo, da dedicare alla famiglia, ai figli, allo svago, allo sport, alla riflessione, a quello che volete e, per il credente, alla celebrazione dei riti religiosi ed all’osservanza del precetto. In difesa della famiglia e della tradizione domenicale, giorno dedicato al Signore, pu├▓ essere spiegato il sostegno della CEI all’iniziativa, che si è schierata al fianco dei piccoli esercenti. Raccolte le firme, occorre sperare che si coaguli una volontà politica per calendarizzare in Parlamento la discussione della proposta di legge di iniziativa popolare. Per ottenerlo bisogna continuare a sostenere il movimento di opinione sul web, che forzi il parlamento ad ascoltare la voce dei cittadini.

:roll:

link utili

 liberaladomenica

facebook: liberaladomenica

confesercenti

______________________

152° Unità d’Italia, 8 giugno 2013, Beretta Roberto Claudio

______________________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>