Via Camillo Golgi

Fu il primo italiano in assoluto a ricevere il Premio Nobel, ed il primo Nobel italiano per la medicina, nel 1906, in “riconoscimento del loro lavoro sulla struttura del sistema nervoso”. Il “loro” si spiega con il fatto che il Nobel fu assegnato a Golgi ex-aequo con lo spagnolo Santiago Ramon Y Cajal. Figlio di un medico, Camillo Golgi, nasce a Córteno, in val Camonica, si laurea in medicina a Pavia. Vince il concorso di primario chirurgo alla Pia Casa degli incurabili di Abbiategrasso. Qui, in una piccola cucina (ci ricorda in questo Rita Levi Montalcini), con l’uso di un microscopio e pochi strumenti, come un pioniere allestisce un laboratorio di istologia. Inventa un metodo per colorare selettivamente le cellule nervose, che appaiono colorate di nero con le loro strutture: gli organuli, i dendriti, l’assone (“metodo di Golgi”, gli valse il Nobel). Scopre una struttura strategica della cellula, una specie di stazione di smistamento delle proteine fabbricate nel citoplasma e destinate ad essere esportate fuori della cellula stessa. L’ “apparato del Golgi” fa bella mostra su ogni disegno illustrante la struttura cellulare ed è noto persino agli studenti delle medie inferiori. Lo scienziato descrive quindi alcune terminazioni nervose dei tendini che hanno funzione di propriocettori muscolari (i “corpuscoli del Golgi”, in parole semplici: questi recettori “sentono se il muscolo è molto teso” e consentono di proteggerlo mediante un’azione riflessa di rilasciamento”). Studia il plasmodio della malaria. Viene nominato rettore dell’Università di Pavia e si batte per la costruzione del nuovo Policlinico San Matteo, entrando in competizione con Milano per la primazia in campo scientifico. E’ consigliere comunale a Pavia, membro del consiglio superiore di sanità, senatore del regno, nominato dal re Umberto I, carica che mantiene fino alla morte, che avviene nel 1926 (era nato nel 1843). Il paese natale, cui Golgi fu sempre legato da grande amore, e a cui tornava spesso nei momenti liberi dal lavoro, in suo onore, ha cambiato il nome in Córteno Golgi e, nel centenario del Nobel, gli ha dedicato il museo cittadino.

_____

151° Unità d’Italia, Modena 4 marzo 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________________________

 :roll:  strade italiane

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>