Mia vita, a te non chiedo

(Eugenio Montale, Ossi di seppia, 1923) L’indifferenza verso il bene ed il male, l’apatia, il silenzio delle emozioni sono la risposta del poeta alla precarietà dell’esistenza. Ormai rassegnato all’impossibilità di ottenere certezze, da una vita che tormentosamente ed incessabilmente cambia, egli volontariamente vi rinuncia e trova rimedio nella apparente ed illusoria quiete offerta dal razionale esilio dei sentimenti, così che tutto sembra apparentemente scorrere senza lasciare segni nè ferite nell’animo. Solo di tanto in tanto un’improvviso turbamento supera tuttavia le difese messe in campo, come un colpo di fucile che scuote il silenzio immobile della campagna, a ricordare che ogni difesa è vana e non è dato sfuggire all’umana natura ed al proprio destino. (r.b.)

MIA VITA A TE NON CHIEDO

Mia vita, a te non chiedo lineamenti
fissi, volti plausibili o possessi.
Nel tuo giro inquieto ormai lo stesso
sapore han miele e assenzio.

Il cuore che ogni moto tiene a vile
raro è squassato da trasalimenti.
Così suona talvolta nel silenzio
della campagna un colpo di fucile.

___________________

Eugenio Montale
___________

:roll: poesie

Parafrasi:

O mia vita, non ti chiedo disegni stabili, volti affidabili, o cose da possedere.
Nel tuo scorrere inquieto, oramai per me il miele e l’assenzio hanno lo stesso sapore.

Il mio cuore che disprezza ogni emozione, qualche volta è scosso da trasalimenti.
Così suona talvolta nel silenzio della campagna un colpo di fucile.

_______________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>