Amarcord Natale

“Ci hanno portato via il Natale” ? Sì, può essere, ma quale Natale ? Luci, regali, babbo natale, parenti, cenoni, tombole, ristoranti, piste da sci, vacanze, viaggi, crociere, champagne, canti natalizi americani, shopping, vetrine, assembramenti, alberi natalizi, cinepanettoni … Questo sì, ce l’ha portato via un cattivone. Una volta il mio Natale erano i fiori di ghiaccio sui vetri della finestra, il presepio, tu scendi dalle stelle, le cornamuse dei pastori, la messa di mezzanotte, che quando uscivi dalla chiesa qualche volta trovavi la neve, umili regali, il profumo delle arance, lo scatolone di cartone della cooperativa con un salame un pacco di zucchero e uno di pasta, le noci e le mandorle, il torrone e, se eri fortunato, il panettone Alemagna, quello con il disegno del duomo di Milano … il rondò alla turca di Mozart e i walzer di Chopin del 72 giri sopra la radio. Si stava in casa da soli “cul pà e la mama”, Natale con i tuoi Pasqua con chi vuoi, perché non avevamo niente da offrire di materiale. Al massimo alla vigilia si andava dallo zio Dulfetu per vedere il suo bel presepio che guardavo a bocca aperta e il naso all’insù tanto mi sovrastava nell’angolo della cucina che sentiva di muschio, di alloro, di caldo, del profumo della legna che bruciava nel camino. C’era un’atmosfera di serenità, di pace, di bontà, di comunità. Spirava un’aria di leggerezza ed una letizia inesprimibile che nasceva da cose umili eppure straordinarie perché si vedevano e si gustavano solo a Natale. Dopo quaranta giorni di avvento ci si sentiva per forza più buoni, o buoni almeno, in pace con tutti, o almeno con il proposito di far pace. Gesù in fondo era uno di noi. Uno che nasceva al freddo e al gelo, e noi avevamo i geloni alle dita, – in una mangiatoia, e anche la nostra casa era povera ma il necessario non ci è mai mancato, – riscaldato dal bue e dall’asinello, e noi si passava la sera nella stalla immersa nel calore umido radiante dai corpi delle mucche e dai loro respiri fumanti, e i maiali grugnivano più in là nello sterco – insieme ai pastori, e noi correvamo contenti d’inverno per vedere l’apparizione di greggi bianche e lanose pascolanti nei campi abbandonati e incolti, – circondato dagli angeli in cielo, e non avevamo forse noi l’angelo custode ? Dio si faceva uomo ed era fra noi perchè era come noi, povero. “Pace agli uomini di buona volontà, oggi è nato il redentore”. Eravamo ingenui ? Forse. Ci accontentavamo del poco. “Si vede bene solo con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.”

        159° Unità d’Italia, 26 dicembre 2020, Beretta Roberto Claudio        

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>