Il Quarto Stato

Quarto_Stato

(Giuseppe Pellizza da Volpedo, 1901, olio su tela, 293×545 cm, Milano, Museo del Novecento). Un paese di campagna, un mattino d’estate, due contadini avanzano verso l’osservatore. Sono i due designati dall’ordinata massa di contadini per perorare la causa comune. I due leader procedono con grande determinazione, la figura al centro guarda dritto negli occhi lo spettatore quasi in atteggiamento di sfida. 😯 Una donna a piedi nudi con il suo bimbo in braccio si avvicina per affidare le ragioni delle donne e delle madri. La folla alle loro spalle marcia compatta ed unita. Confusi fra i contadini ritratti nei poveri ma dignitosi abiti di lavoro vi sono i loro familiari, donne e bambini. I lavoratori marciano ordinatamente, a gruppi discutono con pacatezza, ribadendo le ragioni della loro lotta, altri invece seguono in silenzio, altri assorti nei loro pensieri. I loro volti, gli sguardi, gli atteggiamenti, le mani aperte della donna e di altre figure in secondo piano esprimono la presa di coscienza della liceità delle rivendicazioni e dei diritti reclamati, insieme alla determinazione e la volontà di conseguirli. L’avanzare lento e pacato, non aggressivo, persuasivo, irradiano un senso di invincibilità. Benchè la scena sia ambientata a Volpedo, e i volti prestati dai contadini del luogo, la donna in primo piano per esempio, Teresa Pellizza, è la moglie dell’autore, l’episodio è assolutamente inventato e la finalità dell’opera è puramente simbolica. Il protagonista, il Quarto Stato, ovvero la classe operaia e contadina, emerge da uno sfondo buio, che ci riporta alla memoria condizioni di lavoro umilianti e subalterne, prive di diritti, in un contesto di vita caratterizzata da emarginazione, anonimato, miseria, povertà, assenza di prospettive e di riscatto futuro. Sotto la spinta delle idee positiviste della seconda metà dell’ottocento, che sono alla base della fiducia assoluta che le persone ritratte dimostrano di avere in sé stesse, nell’affermazione delle proprie idee, e nella rivendicazione dei diritti, la classe operaia esce dunque da un passato oscuro ed indistinto ed avanza fermamente nel futuro, verso e nella luce abbagliante di un sole che la guida e a cui tende. L’opera di Pellizza simboleggia quindi il grande cammino che la classe operaia, attraverso la presa di coscienza della propria identità e condizione, e per mezzo della lotta sindacale, ha iniziato verso un futuro illuminato e felice, di benessere e di progresso.

________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 26 novembre 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________

arte

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>