Primavera

C’è qualcosa di nuovo oggi nell’aria, che parla di primule e viole odorose. Sul verde tappeto della giovane erba che è spuntata smaniosa a ciuffetti dritti e irregolari, l’orto è una messe di fiori che si raccolgono in macchie colorate olezzanti, quasi onde di un mare vegetale, qui l’azzurro degli occhietti, lì manti di┬ámargherite bianche. Nascoste all’ombra dell’agrifoglio sono┬ále stelle dei gialli narcisi dalla corona scarlatta e qua e là alcuni radi variopinti gruppetti di crocus svettanti. La gremita distesa del tarassaco veste di giallo ogni campo dintorno finchè l’occhio si perde. Si mostrano i miei fiorellini seducenti sorridendo come per dire mentre passo, non vedi come siamo belli?

Il bombo panciuto con le api operose volano ronzando a suggerne il nettare e macaoni vanesse pieridi bolorie danzano incredule e festose sui miei fiorellini di campo. Nuvole bianche sospese nel cielo turchino si gonfiano al vento giocondo che scherza coi soffici tenui vapori. Le garrule rondini inseguono le compagne in giochi felici nello spazio quest’oggi più vasto, che pare infinito. A terra, una brezza leggera accarezza il mio corpo ed i rosei albicocchi ed i ciliegi affollati di candidi fiori, mentre gli olivi oscillano dolcemente all’invisibile forza, agitando rametti con foglioline apicali lanute. Le gemme del fico son turgide e le braccia del noce han già un leggero vestito di timorosi germogli. Il merlo audace saltella e scuote il suo becco e smuove le zolle, che ho appena vangato, cercando le larve o un lombrico, ma è all’erta e si allarma e grida e si invola alla mia vista. Il piccolo pettirosso curioso mi fa compagnia sul pigro melograno, e la lucertola si affaccia da una crepa del muro, baciata dal calore del sole. E’ primavera.

_____________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 21 marzo 2012, Beretta Roberto

_____________________________________________

Liberamente ispirato al racconto “Primavera”, sabato 1 aprile, Cuore, E. De Amicis

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Aprile/Primavera

___________________________

< la strada <  > il ladro e le scarpe >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>