Un paese senza guida

C’è un minimo comun denominatore fra l’alluvione di Genova ed il G20 di Cannes. Il nostro è un paese che non viene governato perché gli amministratori eletti non sanno vedere, o prevedere, il paese reale. E dunque non prendono mai provvedimenti, o non ne prendono di efficaci, se non addirittura spesso ne ipotizzano di dannosi. A meno che non si verifichi un’emergenza con morti e feriti e danni ingenti, e in questo caso piovono richieste di aiuto in denaro, o a meno che altri stati ci impongano manovre a muso duro, come sta diventando di moda negli ultimi mesi. A Genova è stato detto che l’alluvione era imprevedibile, nelle forme in cui si è presentata. Non è vero. Da decenni è noto il fenomeno dell’effetto serra e del riscaldamento del pianeta. Il nostro clima┬ásta virando┬áverso un clima con caratteri tropicali. Tutti si accorgono che le piogge, che seguono periodi siccitosi, sono più intense e violente. Pochi minuti, tantissima acqua. Pochi giorni orsono, queste piogge hanno causato la distruzione delle Cinque Terre, luoghi poco distanti da Genova, e con uguali caratteristiche geografiche ed antropiche. Incuria e scempio del territorio, abbondono delle montagne, alienazione delle terre coltivabili, disboscamento, urbanizzazione, cementificazione, condoni, taglio dei fondi per l’ambiente e per opere di contenimento delle acque e prevenzione. Le cause sono note a tutti. Purtroppo nessuno mette in campo i rimedi, altrettanto noti, e tutti si risvegliano alla successiva emergenza.

Al G20 di Cannes l’Italia è stata posta sotto duplice tutela della Commissione Europea e del Fondo Monetario Internazionale che monitorerà trimestralmente i nostri conti e le promesse fatte in termini di provvedimenti per lo sviluppo ed il controllo del debito. Questi atti ratificano davanti alle autorità mondiali che l’Italia e la nostra classe di governo non è più credibile agli occhi delle istituzioni politiche ed economiche internazionali, e che il nostro paese è diventato una mina da tenere sotto stretta sorveglianza per evitare che metta in ulteriore e gravissima difficoltà la moneta unica ed in definitiva l’Europa così come oggi la conosciamo. E’ una grande umiliazione per il nostro paese e per ognuno di noi italiani. Perché siamo caduti in questo abisso ignominioso? Ci siamo arrivati per merito di una classe di governo che ha ignorato per anni la realtà, negando dapprincipio (2008) l’esistenza della crisi economico-finanziaria internazionale, poi ammettendo che sì una crisi c’era stata ma non aveva colpito l’Italia che ne stava uscendo (sic!) meglio degli altri, e ancora che alcuni stati europei spacciati per grandi potenze economiche arrancavano quanto e persino peggio di noi, d’altro canto la crisi aveva ed ha dimensioni internazionali e il nostro debito risale alla prima repubblica e dunque noi che c’entriamo, abbiamo tenuto la barra dritta e cioè i conti dello Stato in ordine, e non saranno necessarie manovre di bilancio straordinarie, anche perché il nostro debito è grande, questo è vero, ma è associato ad un’economia solida e ad un grande patrimonio privato, non faremo la fine degli altri pigs.

E così facendo, per aver ignorato nel corso degli anni i problemi, e non avere di conseguenza messo in atto i provvedimenti necessari, siamo ineluttabilmente arrivati alla fase emergenziale, che ha costretto il governo a varare alcune manovre (quante sono state?) da decine di miliardi, cioè a chiedere tanti soldi, come volevasi dimostrare. Tali manovre┬áhanno ben evitato di toccare il patrimonio, gli┬áevasori ed i┬ápolitici, se non con misure di facciata,┬áqueste due categorie altrettanto responsabili, anche sul piano etico e morale della crisi finanziaria, ma si sono implacabilmente abbattute sui soliti noti e sulla fasce più povere della popolazione; e per giunta tali manovre sono state imposte dall’Europa, nei numeri e persino in alcuni provvedimenti specifici. L’autonomia delle autorità italiane è ora compromessa e la sovranità nazionale nella gestione interna è limitata in modo preoccupante.

Solo il┬á Presidente Napolitano, alla sua veneranda e fragile età, costretto dalla gravità del momento storico, unico interlocutore autorevole per i governi del resto del mondo, supplisce la debolezza e la credibilità dell’esecutivo, incitando tutte le forze politiche ed i cittadini a lavorare per trovare i mezzi per superare la grave crisi economica, politica, istituzionale, culturale che l’Italia vive in queste ore drammatiche.

________________________

Modena, 5 Novembre 2011, Beretta Roberto

__________________

Per approfondire: Le Cinque Terre Perdute, Un nuovo governo, Angelo Vassallo

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>