La Spiaggia dell’Oliveto

Mentre la domenica volge al termine, la Costa degli Infreschi offre agli uomini affacciati alla sinistra sui ponti del Cagliari, uno spettacolo di sublime e selvaggia bellezza, nella luce pomeridiana. La costa appare tormentata, promontori dai ripidi pendii ora si incurvano a formare insenature e baie, ora si protendono in avamposti rocciosi. Le spiagge si aprono ai piedi di costoni rocciosi, di vertiginose falesie, fra insenature discrete. Anguste cale e pronunciate scogliere seguono brevi litorali di sabbia splendente. Grotte affioranti e sottomarine che il mito afferma esser la dimora di Nettuno e della sua corte di sirene, sono scavate fra le rocce dai flutti. Nel :-) mare cangiante, smeraldino, azzurro, turchino, sciamano banchi di pesce azzurro. Sopra i lembi di vegetazione mediterranea, sopra il mirto, il lentisco, la fillirea, sopra il ginepro e il corbezzolo regnano liberi gli uccelli marini, il cormorano, il gabbiano reale, il mignattino, la gavina, il beccapesci, il martin pescatore. Alte torri costiere sono le uniche vestigia della presenza dell’uomo.

Doppiata la Punta degli Infreschi, il Cagliari naviga nelle azzurre acque del Golfo di Policastro. Il borgo di Sapri è a prua, 12 miglia più a sud, al limitare di una profonda insenatura semicircolare, verso cui monti riarsi e brulli discendono temperandosi in verdi colline lussureggianti di lecci, di olivi, di piante arbustive e cespugli odorosi. Il piroscafo bordeggia pigramente nell’attesa della notte. Qualcuno dal villaggio di San Cristofaro, sulle alture presso Ispani, osserva insospettito i suoi ondeggiamenti senza un fine. E’ il regio giudice di Vibonati, il paese costiero che confina a meridione con Sapri. L”intendente della provincia di Salerno aveva per tempo invitato il giudice con lettera riservata a vigilare attentamente se qualche imbarcazione straniera effettuasse segnalazioni verso terra. Il solerte giudice si precipita alla marina presso il posto doganale, si imbarca sulla scorridora con alcune guardie e si dirige verso il vapore. Il Cagliari lo saluta minacciosamente con un colpo di cannone.

Intanto il disco incandescente del sole sta per toccare la superficie del mare e si consegna voluttuosamente alle acque, colorando il cielo di rosa e di arancio. Passano dieci minuti. Alle otto della sera, il Cagliari getta l’ancora alla Spiaggia dell’Oliveto. Alla svelta i rivoltosi si calano nelle lance. Si concentrano presso una casetta bianca, all’oliveto del Fortino, il luogo fissato per l’incontro con gli agenti del comitato insurrezionale napoletano. I patrioti gridano la parola d’ordine: “L’Italia agli italiani”, la ripetono più forte, poi ancora nell’angoscia più volte, nelle tenebre che scendono nell’orto, appena rischiarato dal quarto di luna crescente. Ma nessuno ode la risposta: “Gli italiani per essa”. Anche a Sapri nessuno aspetta Pisacane e i suoi uomini.

> fine del 10° episodio <

< il gozzo <    > l’oliveto del Fortino >

 :roll: la spedizione di Sapri

____________________________

151° Unità d’Italia, Modena 24 maggio 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>