Guerra, Guerra !

GUERRA, GUERRA ! LE GALLICHE SELVE

(Vincenzo Bellini, Norma, Atto I)

Nel corso dei secoli Roma, caput mundi, è sempre stata oggetto di orribili saccheggi. Hanno incominciato i galli di Brenno (quelli delle oche del campidoglio), poi ci hanno pensato i visigoti di Alarico, quindi i vandali di Genserico, infine l’imperatore Carlo V (combinazione è cresciuto nei Paesi Bassi) e i lanzichenecchi. Tacendo dei sacchi operati dalla politica e dal malaffare, già c’è la fila per i sacchi futuri, come quello minacciato dallo stato islamico.


👿 A tener viva la tradizione intanto ci hanno pensato una mandria di olandesi tifosi del Feyenoord armati di bottiglie riempite di alcol etilico. In questo frangente la città eterna, non ha dato un bell’immagine di sè, calando le brache davanti ad una massa di ubriachi il cui arrivo era stato ampiamente annunciato. Roma è stata violentata, ferita nei suoi tesori, violata, umiliata (a dire il vero è stata umiliata con Roma l’Italia intera) senza resistere, imbelle.

Anche i barbari di un tempo, quelli che saccheggiavano Roma spinti dalla ricerca di nuove terre, o che avevano (condivisibili) desideri di liberazione dalla dominazione straniera, erano fatti di un’altra pasta. Così almeno sembra voler raccontare la vicenda che propongo questa sera, tratta dalla Norma di Bellini. Le galliche selve producevano un tempo guerrieri che combattevano con le scuri, arrossavano i fiumi del sangue nemico, recidevano ali ed unghie dell’aquila romana. Questi più modesti germani invece, al posto delle scuri hanno usato bottiglie, al posto del sangue hanno versato fiumi di birra, hanno scambiato la barcaccia del Bernini per il Ligeri (la Loira), invece di annichilire le aquile romane hanno distrutto un capolavoro del nostro patrimonio artistico, lungi dall’abbattere la potenza romana hanno umiliato tutti gli italiani. E resteranno impuniti. Pare a questo punto azzeccata la profezia di Norma: “Roma un giorno morrà, ma non per voi, morrà per vizi suoi”.

(Norma, Atto II, scena settima, Norma (Daniela Dessì), Oroveso (Rafal Siwek), Druidi, Bardi, Ministre; Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna, Direttore Evelino Pidò, Maestro del Coro: Paolo Vero, Bologna; Teatro Comunale, aprile 2008)

_________________________________________________________________________

Per comprendere il brano cantato dal coro, è sufficiente sapere che da Norma, figlia del capo spirituale dei galli (Oroveso), e sacerdotessa del dio (Irminsul), dipende la politica dei galli verso gli invasori romani, capeggiati dal proconsole Pollione. Il popolo vuole ribellarsi ai romani ma Norma, amante in segreto di Pollione, da cui ha avuto due figli, tiene un profilo basso, indugia, accampa pretesti, favorisce la pacificazione. Tuttavia quando scopre che Pollione, stanco di lei, la tradisce con Adalgisa, giovane sacerdotessa, e la vuole addirittura rapire dal tempio, cambia idea e decreta guerra a Roma.

___________________________
Guerra, guerra! Le galliche selve
quante han querce producon guerrier:
qual sul gregge fameliche belve,
sui romani van essi a cader!
Sangue, sangue! Le galliche scuri
fino al tronco bagnate ne son!
Sovra i flutti dei Ligeri impuri
ei gorgoglia con funebre suon!
Strage, strage, sterminio, vendetta!
Già comincia, si compie, s’affretta.
Come biade da falci mietute
son di Roma le schiere cadute!
Tronchi i vanni, recisi gli artigli.
Abbattuta ecco l’aquila al suol!
A mirare il trionfo de’ figli
ecco il dio sovra un raggio di sol!

________________________
Note per capirci un po’ di più:
1. Ligeri: dovrebbe essere il fiume Loira (Sulle onde impure della Loira, il sangue gorgoglia con un suono funebre)
2. Vanni: nome delle penne maestre delle ali delle aquile (L’aquila simbolo dell’impero romano cadrà al suolo con le ali troncate e gli artigli recisi)

_________________________________________

153° Unità d’Italia, 21 febbraio 2015, Beretta Roberto Claudio

________________________________

   :roll: SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>