Luigi Pirandello

 

(1867-1936). Nasce a Girgenti (l’attuale Agrigento). La famiglia, dell’agiata borghesia siciliana, è proprietaria di una miniera di zolfo. Di tradizione garibaldina e sentimenti antiborbonici. I genitori furono attivi sostenitori della campagna garibaldina in Sicilia. Si laurea a Bonn in Filologia. Si stabilisce a Roma deciso a seguire la sua vocazione di scrittore.

┬áSi sposa con la figlia di un ricco socio del padre con matrimonio combinato tra le famiglie. Ma una frana distrugge la miniera di zolfo dove è stato investito tutto il capitale del padre e la dote della moglie. Viene perci├▓ a trovarsi in grave difficoltà e ristrettezze economiche. Questi avvenimenti fanno peggiorare il disturbo paranoide e le crisi isteriche di cui già soffriva la moglie, ma Pirandello cerca di assisterla a casa, conduce una vita ritirata per non offrire pretesto alla sua gelosia, lavora intensamente per far fronte alle necessità familiari, con l’insegnamento e con lezioni private. Solo molti anni dopo acconsentirà ad internare la moglie in un ospedale psichiatrico quando la malattia mentale sarà ulteriormente peggiorata ed ingovernabile.

┬áNel frattempo le sue novelle, i romanzi (L’esclusa, Il fu Mattia Pascal), i saggi, passano inosservati alla critica. Inizia la collaborazione con Il Corriere della Sera, dove pubblica le sue novelle a puntate. La celebrità invece arriva improvvisamente con l’attività teatrale iniziata negli anni immediatamente precedenti la grande guerra. Pensaci Giacomino!,Liolà (1916), Cosi è (se vi pare), Il berretto a sonagli, Il piacere dell’onestà (1917), Ma non è una cosa seria, Il gioco delle parti (1918), Sei personaggi in cerca di autore (1921) è il suo capolavoro. Il successo di Pirandello valica i confini nazionali. Lasciata la vita appartata che conduce in Roma, ora egli cura personalmente l’allestimento e la regia delle sue opere nei principali teatri europei ed americani.

┬áSi iscrive al partito fascista, all’indomani del delitto Matteotti. E’ tra i firmatari del Manifesto degli intellettuali fascisti. Viene per questo duramente attaccato da intellettuali e politici liberali e socialisti. Anche i suoi amici ne sono sorpresi. Ma Pirandello non rinnega la sua scelta. Dettata forse dalla spinta degli ideali patriottici e risorgimentali in cui era cresciuto, e che vede interpretati nel fascismo nel quale distingue una nuova forma dell’Italia destinata a divenire modello per l’Europa, oppure più prosaicamente scelta motivata dalla ricerca di appoggi e finanziamenti per la sua compagnia di teatro in Roma. Sta di fatto che egli non si occupa mai di politica, e che frequenti sono gli scontri con le autorità fasciste e le aperte dichiarazioni di apoliticità. Clamoroso è il gesto con cui strappa la tessera del partito davanti all’esterrefatto Segretario Nazionale (1927). Anche le sue opere non sempre suscitano l’entusiasmo della critica di regime che le giudica non conformi agli ideali fascisti.

 Nel 1934 gli viene conferito il premio Nobel per la letteratura.

 Muore il 10 dicembre 1936.

______

Modena, 8 dicembre 2011

Beretta Roberto

________________

 Italiani Illustri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>