Crocifissionedisant’Andrea

CROCIFISSIONE DI SANT’ANDREA.

1607, Michelangelo Merisi da Caravaggio.

Oggi 30 novembre, è sant’Andrea. Il primo apostolo, santo patrono di Russia, Romania, Grecia, Irlanda, di numerose città italiane. La tradizione vuole che Andrea abbia rifiutato di essere crocifisso sulla croce di forma latina perché non si sentiva degno di morire allo stesso modo del maestro Gesù. Ma su una croce decussata, a forma di X, di sant’Andrea appunto, come si può ammirare nella possente statua eretta nella basilica di San Pietro in Vaticano. Iconografia che si impose dal XVII secolo, e questo spiega come mai il Caravaggio, al contrario, ritragga il santo nell’atto in cui egli viene legato alla croce latina. Esausto, cereo, cachettico, Andrea appare estraneo alla scena che si svolge attorno al suo corpo morente, animata per contrasto dal vigore sproporzionato del carnefice mentre stringe la corda, dall’atteggiamento distaccato con cui l’ufficiale, vestito di una lucente corazza, domanda per l’ennesima, ed ultima volta, ben conoscendo che non avrà più risposta, che il santo abiuri la fede cristiana in cambio di aver salva la vita, e infine dai sentimenti dei due spettatori del martirio, una vecchia dall’enorme gozzo tiroideo rapita sembra da una curiosità morbosa, e un popolano rabbioso che insulta un uomo vinto e moribondo.

________________________

152° Unità d’Italia, 30 novembre 2013, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

arte

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>