Felice Cascione

(di Francesco Ferraguti e Roberto Claudio Beretta). Felice Cascione, medico, partigiano, eroe della resistenza, medaglia d’oro al valor militare. Nacque a Porto Maurizio, frazione del comune di Imperia, il 2 maggio 1918. Famiglia di condizioni modeste, orfano del padre, fonditore di campane, morto nel primo conflitto mondiale, la madre, maestra elementare. Laureato in Medicina a Bologna. Arrestato durante una manifestazione antifascista. 😯 Dopo l’8 settembre, guida un improvvisato gruppo di partigiani nell’imperiese. E’ inverno, fa freddo sulla montagna ligure. Davanti al fuoco, un partigiano, Ivan, al secolo Giacomo Sibilla, reduce dell’Armir, intona sulla chitarra una canzone ascoltata sul fronte del Don, dalle ragazze russe e dai prigionieri, Katju┼ía (diminutivo di Ekaterina, Caterina),┬á composta dal musicista russo Matvei Blanter nel 1938. E’ una canzone d’amore, di una ragazza che soffre e sente la nostalgia del suo amato, partito per il fronte lontano. Su quelle note Felice si mette a cantare parole che gli sgorgano dal cuore. “Urla il vento, fischia la bufera, scarpe rotte eppur bisogna andar …”. Insieme a Bella Ciao, è la musica della Resistenza. Venne cantata la prima volta durante la messa di Natale ! Sulle montagne, “U magu”, il dottore, che era un uomo di grande umanità, sensibile, sempre pronto ad aiutare il prossimo, cura i compagni feriti e i civili. La sua generosità ed il suo idealismo furono causa della sua morte. Un giorno i partigiani della sua brigata catturano in uno scontro a fuoco un tenente ed un soldato delle brigate nere. I partigiani avevano deciso di ucciderli. ┬áFelice si oppone con forza: “Ho studiato venti anni per salvare la vita di un uomo e ora voi volete che io permetta di uccidere? Teniamoli con noi e cerchiamo di fargli capire. Non è colpa di Dogliotti, se non ha avuto una madre che l’abbia saputo educare alla libertà “. I due fascisti seguono la brigata in tutti gli spostamenti. ┬áCon i partigiani dividono coperte, cibo, sigarette. Poi Dogliotti fugge. Ed alla fine di gennaio guida le brigate nere contro i partigiani di Cascione, che gli aveva salvato la vita. Nella battaglia, Felice, dopo essere stato ferito ad una gamba, obbliga i suoi partigiani a mettersi in salvo. Due di essi, Emiliano Mercati e Giuseppe Cortellucci non abbandonano il loro comandante. Cortellucci è catturato e viene torturato perchè riveli il nome del comandante della brigata. Allora Felice, ferito in maniera gravissima, si alza e grida di essere lui il capo. Fu ucciso a colpi di fucile. Aveva ventisei anni, il 27 gennaio 1944.

____________________________

152° Unità d’Italia, 24 giugno 2013,

Francesco Ferraguti e Beretta Roberto Claudio

___________________________________________________________________

storie di italiani

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>