Astanti innocenti

Omar e Ferdi si facevano oggi i dispetti durante l’ora di geografia del professor Celestino. I due sono vicini di banco, ma sono separati da un piccolo intervallo. Omar a un certo punto si è allungato verso Ferdi tirandolo per il maglione e facendogli perdere l’equilibrio, e il turco, mentre cadeva insieme alla sedia con gran frastuono, agitando le braccia alla ricerca di un qualsivoglia sostegno, graffiava accidentalmente la mano del moro, avendola nel trambusto scambiata per un buon appiglio. Dopo un grido di dolore, e un paio di calci o tre di reazione assestati a Ferdi bloccato a terra fra le gambe dei banchi e la sedia rovesciata, Omar 😥 guardava ora il dorso della mano che aveva iniziato a sanguinare pigramente, ora il prof. Celestino che lasciata con un uno dei suoi plastici volteggi la cattedra, veniva verso di lui alquanto corrucciato. Ed Omar, per accentuare il danno subìto ed evitare così la punizione, tormentava freneticamente e spremeva il microscopico taglietto, fino a che il sangue ad un certo punto sboccò più deciso e colando non gli arrossò tutta la mano. A quella vista, il professore ristette dalla punizione (che consisteva nello strofinare vigorosamente le nocche delle sue dita da qualche parte sul cuoio capelluto del malcapitato, e vi giuro che fa male) e fece chiamare il bidello perché accompagnasse il ferito in infermeria per le cure del caso. Di ritorno Omar si era seduto al suo banco con un sorrisetto maligno e, annoiato per la lezione, si era tolto il bel cerotto e industriato a schiacciare tutt’attorno la ferita con l’insano proposito di far uscire nuovamente una goccia di sangue, e chiedeva insistentemente di uscire dall’aula, ed infine aveva impugnato l’astuccio di Ferdi per asciugarsi il sangue che aveva ricominciato a fluire. Apriti cielo. Ferdi, che non aspettava che un pretesto per vendicarsi, si lanciò su Omar come una furia e i due, in piedi, si scalciavano e si scambiavano pugni. Il prof. Celestino, gonfio e rosso urlava con voce squillante, ma non potè fare altro che precipitarsi in corridoio a richiamare il bidello e poi filare di corsa in presidenza a dare l’allarme alle sfere più alte. Nel subbuglio generale, l’ingresso della preside a passo di carica, nei suoi stivaloni dai tacchi alti, seguita ed imitata dall’impettito professor Celestino – invano il bidello lottava con le due belve, cui non mancava l’incitamento rumoroso di due tifoserie in gran parte maschili che si erano prontamente create – ebbe l’effetto del tuono minaccioso di un temporale inatteso nel bel mezzo di una partita amichevole di calcio. La nuova preside è ben diversa dal direttore che avevamo l’anno scorso, che era come un secondo papà. Si veste come a una sfilata di moda, non si ferma mai a parlare con noi, insomma è un po’ antipatica. Così vi fu un immediato fuggi fuggi ai propri rifugi, i banchi, e subito dopo il silenzio calò gelido nell’aula. Io un po’ tremavo, ma pensavo che la preside avrebbe dato ai due una bella nota ed un bel castigo, con tanti compiti da fare per domani. Invece si è messa a sgridare tutta la classe e, con bell’esempio di giustizia sommaria, ha ordinato al prof – che gongolava di piacere – di dare un meritato castigo a tutti quanti. Così sto passando il pomeriggio a studiare geografia per colpa di due miei compagni molto maleducati. Oggi a scuola ho imparato che i cattivi allievi, coloro a cui non piace studiare e che disturbano i compagni la fanno franca e non sono puniti dagli insegnanti se vengono scoperti, mentre i più diligenti, che sono costretti a implorare continuamente quiete e silenzio per ascoltare la lezione, non sono per nulla compresi o difesi dall’autorità ed anzi spesso pagano ingiustamente per la maleducazione degli altri. E così avviene anche nella vita.

Arturo

(Ogni riferimento a persone e fatti reali è puramente casuale)

_____________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 31 ottobre 2012, Beretta Roberto

__________________________________________________

 :roll:   CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>