La Divisione Sforzesca

russia zio 004_1

La fanfara del 54° Reggimento Divisione Sforzesca


Una seconda colonna di soldati, diretta a sud (blocco sud), era composta dalla Divisione Sforzesca, dal 6° Bersaglieri, da reparti della Pasubio e della Celere, da gruppi di soldati sbandati appartenenti a vari reparti, ed ancora romeni ed unità tedesche. Diverso fu l’itinerario percorso da questi uomini rispetto al blocco nord, ma ugualmente drammatica ne fu la sorte. La Divisione Sforzesca fu costretta a cedere il 19 dicembre all’insostenibile disparità di forze dopo il travolgimento del vicino Corpo d’Armata Romeno.

Il giorno successivo iniziò il ripiegamento. Con duri scontri si apriva la strada in direzione di Makeewka (vedi mappa del ripiegamento), dove si univano la divisione Celere ed altri reparti della Pasubio provenienti da nord. Per una settimana il serpente di soldati continua marciare, riuscendo a difendersi dai continui attacchi. I bersaglieri della divisione Celere, ed i reparti tedeschi presidiavano le estremità della colonna, l’avanguardia e la retroguardia. La temperatura era inferiore ai – 35°. Si marciava di giorno, di notte, tra bufere di vento e di neve. Il giorno di Natale vennero distrutti col fuoco tutti gli automezzi inservibili, ed il carburante residuo venne destinato agli automezzi impiegati per il traino delle poche artiglierie superstiti ed il trasporto di feriti e congelati. Ma non bastavano i soldati russi e i partigiani: tre aerei tedeschi il giorno di Santo Stefano bombardarono per errore la colonna dei soldati italiani causando numerose morti e ferimenti.

Dopo 35 chilometri di marcia, a pochi passi dal paese Bolschoj Ternowj, dove finalmente avrebbero potuto riposare, un aereo tedesco lanciò sui soldati volantini segnalanti che il paese era occupato da ingenti forze russe e contenenti una mappa che indicava il nuovo percorso da seguire al fine di evitare lo scontro con il nemico. L’aggiramento dell’abitato aggiunse alla marcia ulteriori 40 chilometri. Più di settanta furono perciò i chilometri percorsi senza soste intermedie dai fanti della Sforzesca, molti fuori dalle piste, in mezzo alla bufera ed a temperature polari. Gli uomini si lasciavano cadere sulla neve morendo per sfinimento o per congelamento. Altri invece furono fatti prigionieri dai sovietici e moriranno nei campi di prigionia.

La notte del 28 i resti delle divisioni completarono l’aggiramento e raggiunsero le linee tedesche a Skassyrskaja: l’affollamento ai varchi era tale che alcuni soldati, usciti dai limiti stabiliti, saltarono sui campi minati predisposti a difesa. Da qui procedettero più speditamente verso le retrovie. Finalmente il 3 gennaio i superstiti arrivarono a Forschtadt, una località situata sul fiume Donets, dove furono tratti in salvo per ferrovia. Quanto restava della Divisione Sforzesca raggiungeva col treno Rikovo due giorni dopo, ed infine il campo base di Gomel, e da qui la divisione fu rimpatriata nel mese di marzo.

comunicato sovietico sfondamento fronte

________________________

Modena 12 dicembre 2011

Beretta Roberto

_____________

 La Campagna di Russia 1941/43

< La valle della morte <  > l’ ultima lettera dal Don >

Un pensiero su “La Divisione Sforzesca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>