Paga e TASI

Pagare le tasse non fa piacere a nessuno. Pagare le tasse e perdere mezza giornata a fare visure, calcoli, telefonate, leggere delibere, cercare aliquote e rendite, moduli, codici, sigle, scadenze, acronimi, se non si vuole pagare un commercialista, aggiunge all’irritazione la tortura (e la paura di sbagliare i conti e dover pagare una multa).

Ma ÔǪ benedèti fi├▓i del Comùn ÔǪ non potreste fare lo sforzo di mandarci un semplice bollettino di conto corrente postale, o un fattura tipo quella del telefono del gas dell’acqua, o come quella che ci mandate per i rifiuti, sì dai .. come si chiama che non mi viene il nome adesso ÔǪ tari o tares o forse tas├▓reta, dove ci scrivete sopra l’importo che dobbiamo pagare e quando e dove e che sia finita lì una volta per tutte. Andremo in posta col bollettino o daremo alla banca la disposizione permanente di pagamento e non ci accorgeremmo neanche di pagare le tasse. Occhio non vede cuore non duole!

👿 Perché è tanto difficile per i comuni, al fine di calcolare tasse sulla casa, dotarsi di un programmino sul computer che consulta la banca dati degli immobili ubicati nel comune in oggetto, trova la rendita catastale, riconosce il (i) proprietario (proprietari) per mezzo del codice fiscale, quindi se egli è residente applica l’aliquota A e se è seconda casa applica l’aliquota B, calcola le detrazioni se spettano (consulti allo scopo lo stato di famiglia o che altro), idem per i terreni, i fabbricati industriali, et cetera ? Quel che so io delle mie proprietà non lo sanno forse, o potrebbero saperlo in ogni momento, anche i funzionari del comune? Alla fine del suo lavoro il nostro bel programmino genererà una lista di soggetti di imposta con a fianco l’importo della tassa e stamperà il bollettino o la fattura da spedire all’interessato con la data di scadenza del pagamento bene in evidenza.

Non ha forse promesso il nuovo premier di semplificare la burocrazia? Che bella occasione la tasi per semplificare, dato che egli stesso ne è stato vittima, se bisogna credere alle sue parole quando dice che non ci ha capito nulla nemmeno lui?

Quest’atteggiamento in cui lo Stato stabilisce l’imposta ed il cittadino paga il dovuto (e non viceversa lo Stato dà qualche indizio criptato di cosa come quando e quanto pagare, e il cittadino si affanna alla ricerca dei dati e si lancia in calcoli fantasiosi o si arrende all’ esperto fiscale) darebbe quali sottoprodotti, ne cito solo due, un bel risparmio per il cittadino che non si deve rivolgere ai commercialisti o ai sindacati per calcolare la tassa, e la possibilità per lo Stato di conoscere chi deve pagare e quanto, e, cosa altrettanto importante, chi ha pagato o, rovesciando i termini, chi non ha pagato. Così il Comune avrebbe fra le mani, poche ore dopo la scadenza del pagamento, oltre agli agognati soldini indispensabili alle sue dissestate casse, l’elenco dei cittadini che non hanno pagato, alcuni perché distratti o impossibilitati, altri perché non intendevano pagare. Non ci sarebbe bisogno di alcun controllo, gli evasori sarebbero immediatamente noti.

A chi giova dunque mantenere lo stato attuale, confusionale e vessatorio? Ai lettori la non ardua risposta.

_________________________________________

153° Unità d’Italia, Modena 16 giugno 2014, Beretta Claudio

_____________________________________________

fare l’Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>