La piccola vedetta lombarda

Vidi, su un sentiero fiancheggiato da un rigagnolo, una casetta abbandonata dai contadini. Pensai che era il nascondiglio perfetto per osservare le battaglie dei soldati. Gli italiani combattevano per liberare la Lombardia dal giogo degli austriaci. La guerra mi eccitava, bruciavo dal desiderio di vederla da vicino e quella casa faceva proprio al caso mio, e c’era anche una grande bandiera tricolore che garriva al vento.


Nascosta dietro una finestra, vidi sollevarsi lenta dalla strada una gran polvere, e subito riconobbi un plotone di cavalleggeri: il cuore non stava più nel petto; vedere un drappello di soldati prendere posizione sul teatro della battaglia mi faceva impazzire ed insieme gelare il sangue nelle vene. Ma già sognante il mio corpo e la mia mente erano rapiti nell’ ammirazione estatica di schiere di soldati che combattevano per la patria. Da grande anch’ io sarei diventata un soldato valoroso.

Mi si avvicinò un soldato con bella uniforme e medaglie sul petto: era un ufficiale. Scese da cavallo e chiese se ero lì da molto e se avevo visto degli austriaci. Voleva sapere se gli austriaci erano passati di lì. Ero così emozionata che per lungo tempo rimasi a bocca aperta senza riuscirmi di parlare; poi mi feci coraggio e gli risposi che da tre giorni non ne vedevo.

Non stavo più nella pelle. Mi venne una grande idea: dissi all’ ufficiale che sarei salita sulla cima di un alto frassino lì vicino, per scrutare se si vedevano degli austriaci. Per la patria ero pronta a fare qualsiasi cosa.

Mi tolsi le scarpe ed a piedi nudi mi arrampicai veloce sull’ albero. Arrivata in cima, l’ufficiale mi chiese che cosa vedevo e risposi che due uomini a cavallo si avvicinavano dalla parte opposta lungo il viottolo, ma erano ancora molto lontani.

Mi chiese allora di guardare verso la campagna di fronte e mi parve di vedere baionette luccicare, ma di soldati no, non se ne vedevano (erano forse nascosti nel grano ?). Un fischio lacerò l’ aria in alto: era una palla di fucile. Sentivo le urla dell’ ufficiale che preoccupato mi gridava di scendere subito. Ma io non l’ ascoltavo, fissavo rapita le baionette immobili. Un secondo fischio, acutissimo, vicino, ce l’ avevano proprio con me ! Scendi ! scendi subito ! Ma io non l’ ascoltavo. Non avevo paura. A sinistra della casa, verso la cappella, mi pareva di vedere biancheggiare …, ma in quel momento la palla mi colpì. Caddi dall’ albero.

Rimasi immobile, priva di sensi. Qualcuno mi premeva la ferita, nel tentativo di fermare il sangue che scorreva inarrestabile a fiotti. Io sorridevo, gli occhi chiusi. Offrivo la vita per l’ adorata Italia, non ero mai stata più felice. Udivo l’ ufficiale – è morta da soldato – , poi la bandiera tricolore mi copriva, lasciandomi scoperto solo il viso.

 :roll:   CUORE 150°

_______________________________________________

Modena, 4 maggio 2011, Beretta Chiara

Liberamente ispirato al racconto “La piccola vedetta lombarda”, Cuore, E. De Amicis

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Novembre/La_piccola_vedetta_lombarda

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>