Del patrimonio artistico

Le giornate di primavera sono passate. Il FAI ha fatto la solita kermesse pubblicitaria sui media, grande afflusso (650.000 persone) ai siti aperti nella due giorni, bottino di tessere e verosimile congrua raccolta fondi. Con questi soldi alcuni altri luoghi del patrimonio artistico saranno restaurati. Bene, e adesso? Il FAI purtroppo da solo non è in grado di sostenere negli italiani la passione per le bellezze storiche artistiche e paesaggistiche, unica garanzia per la loro valorizzazione e conservazione. Per sensibilizzare ed educare la collettività ci vorrebbe un solido intervento delle istituzioni. Nelle scuole potenziando il numero delle ore riservate alla storia dell’arte e le visite ai luoghi d’arte, nei siti di proprietà dello Stato impiegando cittadini reclutati con il servizio civile obbligatorio ai fini di restauro e conservazione, in TV con programmi educativi e di informazione, ovunque favorendo i flussi turistici con campagne pubblicitarie massive per attrarre visitatori, anche e soprattutto stranieri, defiscalizzando totalmente i lavori di recupero del patrimonio storico-artistico ed ambientale se eseguiti da privati cittadini su beni di proprietà.

_______________________________________

154° Unità D’Italia, 24 marzo 2015, Beretta Roberto Claudio

_____________________________________________

politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>