Il caso Sallusti – VI

VI. FUOCO DI SBARRAMENTO. Appena nota la sentenza della Suprema Corte , si è alzato subito il fuoco di sbarramento mediatico, a difesa dell’illustre imputato, ritenuto in tutti i gradi di giudizio colpevole del reato di cui era chiamato a rispondere. A leggere i commenti degli eminenti opinion-makers sui giornali nonché degli eletti di ogni latitudine politica, sotto accusa finiscono ancora una volta la magistratura, i giudici, le leggi inique e soprattutto la loro applicazione, come se questa fosse un optional del sistema giudiziario. Così per l’ennesima volta la realtà viene capovolta, il colpevole diventa vittima, la legge il capestro, i giudici gli aguzzini. Sul banco degli imputati sale la legge che si è voluto, e si doveva, applicare. Si :-) è arrivati per una volta a sentenza, pur con i fisiologici tempi biblici della giustizia, quasi sei anni per una causa di diffamazione dove tutti e soli gli elementi necessari al dibattimento sono già disponibili al momento della querela, e solo per il 50% degli imputati (uno su due), e già si avanza chi invoca a gran voce la revisione del processo al fine di concedere le attenuanti, chi la grazia, chi la riscrittura della norma. La sentenza sarà esecutiva fra trenta giorni? Giusto il tempo, si fa per dire, per procedere di gran carriera, alla stesura, alla discussione ed all’approvazione di una nuova legge, postuma rispetto alla sentenza promulgata, che riduca o modifichi le pene per il reato di diffamazione a mezzo stampa. Ci├▓, tuttavia, con buona pace dei sostenitori di questa ipotesi, non potrà, credo, evitare il carcere al direttore di Libero. Neanche se la si fa retroattiva e ad personam. Come consuetudine, si fa una gran caciara quando il problema viene posto e l’opinione pubblica è sensibile e chiede provvedimenti urgenti, ma, sono sicuro, ce se ne dimenticherà non appena i riflettori saranno spenti per illuminarsi su un’altra emergenza. E il problema rimane solo per gli interessati che pagano di persona.

 < V. diritto di cronaca e tutela della reputazione dei cittadini <     > VII. reato di opinione ? >

___________________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 6 ottobre 2012, Beretta Roberto

___________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>