La Bohème al Pavarotti


E’ andata in scena domenica 29 gennaio al teatro Pavarotti di Modena la Bohème di Giacomo Puccini. Coproduzione del Teatro Comunale di Modena e del Teatro Nazionale d’Opera e Balletto di Sofia, realizzata in collaborazione con la Nuova Università Bulgara di Sofia e la Fondazione Raina Kabaivanska. Questa edizione ha fatto il suo esordio sulla scena il 10 dicembre 2010 nel teatro della capitale bulgara. L’allestimento dello spettacolo è stato creato da Boyko Bogdanov, uno dei maggiori registi bulgari contemporanei, autore di numerosi spettacoli per il teatro, il cinema e la televisione, ed è stato ripreso nella regia da Vera Petrova, vicedirettore del Teatro di Sofia. I giovani cantanti dell’opera si sono formati nelle classi e nei corsi di alta formazione tenuti dal soprano Raina Kabaivanska presso l’Orazio Vecchi di Modena ed atri istituti a Siena e a Sofia.

L’allestimento implementato al Teatro Comunale di Modena, porta in dote numerosi contributi, primo fra tutti la direzione d’orchestra del maestro Sisillo, attuale direttore del teatro Pavarotti, e poi l’entusiasmo dei ragazzi della Scuola Voci Bianche della Fondazione Teatro Comunale, nonché la banda in palcoscenico.

L’opera ha avuto grande successo di pubblico, come solitamente avviene per la Bohème di Puccini. Opera fra le più rappresentate nei teatri lirici di tutto il mondo, e fra le più conosciute ed amate dal grande pubblico, per la facile trama, la storia coinvolgente, la statura morale della semplice e povera Mimì, la struggente storia d’amore con Rodolfo, resa amara dalla tisi di cui soffre l’amata, il fascino della vita bohèmienne, dello studente di genio ma squattrinato, affamato, relegato in soffitte buie e gelide, che trova però la felicità nella condivisione dei patimenti e nella solidarietà, nell’amicizia, ma anche in intermezzi di gioco e nel divertimento. Senza dimenticare la forza espressiva della musica e del ritmo teatrale creato da Puccini, capace di elevare con la forza ispiratrice dell’arte, della passione e degli ideali della gioventù, una realtà di privazione materiale di sofferenza e di morte, verso una dimensione spirituale di grande dignità e compostezza.

Il successo dell’opera è stato favorito anche dal felice e tradizionale impianto scenico, dalla bravura dei giovani cantanti, dalla precisione dell’esecuzione orchestrale e dal pathos che il direttore d’orchestra è riuscito a suscitare negli spettatori nei momenti decisivi dell’opera, ed infine dal vivace e divertente secondo atto colorato da bellissimi costumi, e in cui i bambini del coro di voci bianche si sono distinti per sicurezza e coordinazione, e soprattutto nel difficile “Parpignol” .

_______________________

151° Unità d’Italia, Modena, 31 maggio 2012, Beretta Roberto

___________________________________________________

< AL artificial light <

 :roll: torna a MUSICA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>