Alitalia

Cinque anni fa un buontempone in campagna elettorale aveva avuto la geniale idea di proporre il salvataggio della compagnia di bandiera ad un gruppo di imprenditori italiani facendo leva sull’orgoglio nazionale, sull’amor di patria, e perché no? sul loro interesse. Fu così che una cordata di capitani coraggiosi, definiti dal medesimo “patrioti”, respinte al mittente le offerte “offensive” di Air France, si prese la parte sana della compagnia di volo, lasciando sapientemente debiti e dipendenti in esubero sulle spalle dello Stato italiano. L’operazione è costata alle casse del soprannominato Stato quattro miliardi in cinque anni. Adesso che Alitalia è un’altra volta sull’orlo del fallimento, sembra infatti che abbia debiti per circa 500 milioni, i capitani coraggiosi vorrebbero che lo Stato li togliesse dai pasticci entrando nel capitale sociale mediante la Cassa Depositi e Prestiti oppure le Ferrovie. Denaro pubblico. Soldi nostri (o meglio, di chi paga le tasse). Dato che i continui soccorsi in denaro dello Stato verso Alitalia sono stati inefficaci, perché continuare l’accanimento e perseverare diabolicamente negli aiuti? Siamo stufi di pagare. Un’ultima considerazione: perché non introdurre, come si pensa di fare per i magistrati, e come già avviene per i medici, la responsabilità civile dei politici? Chi ha respinto all’epoca la vendita all’Air France e consegnato Alitalia ai “patrioti”, sbagliando per proprio tornaconto elettorale, ha fatto pagare quattro miliardi di euro ai cittadini italiani (ottanta euro a testa, più o meno come un IMU). Perché non farli pagare a lui?

_____________________________

152° Unità d’Italia, 10 ottobre 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________

tutti gli articoli in ‘primo piano’

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>