Pidicchì ?

Il nuovo segretario del PD si è insediato da poco, ma ne ha già combinate di interessanti. 1) Dimissioni del viceministro (suo compagno di partito) all’economia nel governo Letta; 2) dimissioni del presidente (del suo partito) che egli aveva pregato con numerose insistenze perché assumesse tale carica, 3) resurrezione politica dell’avversario storico (del suo partito) che navigava sperduto in stagnanti acque marginali; 4) patto sulla legge elettorale e pacchetto di modifiche costituzionali rilevanti fatto con un pregiudicato (del partito avverso e senza consultare i suoi) per frode fiscale ai danni dello Stato e decaduto dalla carica di senatore perché ritenuto legittimamente e comprensibilmente incompatibile con la funzione richiesta; 5) imposizione tout court di tale patto (al suo partito) senza alcuna possibilità di modifica; 😐 6) conseguente malcontento e rischio di scissione (del suo partito); 7) esposizione a grossi rischi del governo (sostenuto dal suo partito e presieduto da un suo collega di partito); 8) reintroduzione (questo punto è stato richiesto espressamente dal suddetto pregiudicato esponente di un partito personale) del listino bloccato, appena dichiarato incostituzionale dalla Consulta (insieme al premio di maggioranza, ugualmente reintrodotto), il che significa che i deputati saranno eletti ancora una volta dalle segreterie dei partiti (compreso il suo, cioè, visto il metodo, da lui) e non dai cittadini (porca miseria, ma non contiamo proprio niente ?). Se questo è il principio del tanto strombazzato cambiamento con rottamazione, abbiamo la vaga impressione che sarà ancora tutto come prima, per├▓ con nuovi ferrivecchi.

______________________

152° Unità d’Italia, 22 gennaio 2014, Beretta Roberto Claudio

_________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>