Il conte di Cavour – II

Riassunto della puntata precedente de “ Il conte di Cavour“: Sissy e suo padre hanno letto insieme l’omonimo racconto di Cuore. Cavour viene presentato come un eroe che ha sacrificato la sua vita per l’Italia, fino al punto di rivolgere, sul letto di morte, pensiero ed azione ai problemi della nazione ancora insoluti. De Amicis confessa totale fiducia nello statista e negli altri uomini di governo, cui sono assegnati i destini dei popoli, e pone sè stesso ed il figlio su un piano subalterno, estraneo alla vita politica. Sissy critica l’atteggiamento passivo, che vuole delegare a pochi rappresentanti la gestione della cosa pubblica, senza alcuna partecipazione individuale. Papà sottolinea l’importante conquista della democrazia rappresentativa.

S. – Però io ti vedo scontento del loro operato, sbuffi sempre, e non smetti mai di criticarli.

P. – Sei un’ osservatrice attenta. La nostra democrazia rappresentativa presenta qualche acciacco e qualche ruga. Ho l’impressione che i nostri rappresentanti non siano più in grado di governare con autorevolezza, competenza ed in piena libertà. Sono infiacchiti, inerti, incompetenti, ed avulsi dalla realtà. Perseguono l’interesse personale o di categoria, presumono di rappresentare comunità particolari o addirittura chimeriche, ed hanno perso la visione d’insieme, e non si curano più del bene del paese. Leggo ogni giorno nuovi scandali, episodi di corruzione, conflitti di interesse, leggi ad personam, privilegi di casta, attacchi alle alte cariche dello Stato, dispregio della Costituzione e delle leggi, apologie di reato; vedo primi ministri a tempo perso, ministri spergiuri, ministri secessionisti, ministri rivoluzionari, sedicenti onorevoli indagati dalla giustizia e protetti dall’immunità parlamentare sfuggire ai processi, affaristi, faccendieri, imboscati, lenoni, prostitute, soubrette, malavitosi, corruttori e corrotti, concussori, servitori, venduti, comprati, ipocriti, bugiardi. Sento insulti, volgarità, vedo gesti osceni.

S. – Naturalmente, come è tuo costume, non vorrai fare di ogni erba un fascio.

P. – Sono sicuro che questi signori sono una minoranza dei nostri rappresentanti. La maggior parte assomigliano davvero al Cavour. Pensa al sindaco di Pollica, nel Cilento, Angelo Vassallo, ucciso dalla camorra l’anno scorso, a causa del suo impegno per la legalità, per la sua onestà e responsabilità. Egli ha pagato con la vita il suo impegno civile. Oggi posso portarti solo questo esempio, ma quando avremo più tempo te ne posso indicare centinaia d’altri.

S. – E dunque, a causa di alcuni rappresentanti degenerati, nel senso che hanno dimenticato il compito per cui sono stati eletti, cioè ricercare e promuovere il progresso ed il benessere del paese, la nostra cara Italia non è più ben governata, soffre e si avvia al declino.

P. – Questo non è il solo motivo, anzi forse è solo l’ultimo; ce ne sono tanti altri di cui avremo modo di discutere in altri giorni: la realtà è spesso molto complessa e difficile da accettare, cara figlia mia, ma certamente la democrazia rappresentativa è entrata in una crisi profonda ed ha bisogno di un risanamento.

__________________________________

Modena, 26 ottobre 2011

Roberto Beretta

__________________________________________

 continua il 2 novembre

S.  Sei preoccupato papà? 

____________________________________________________________

 dialogo sulla democrazia home page

< il conte di Cavour <   > decadenza delle istituzioni > 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>