Carnevale vecchio e pazzo

(Gabriele D’Annunzio, Versi d’amore e di gloria)

Questa filastrocca mi riporta alla mente un episodio realmente accaduto ad un conoscente, il quale, dovendo restare fuori casa per qualche giorno, aveva lasciato il suo gatto nell’abitazione, ma in buona compagnia di una discreta quantità di cibo, affinchè non morisse di fame. Senonchè, al suo ritorno a casa, egli trovò la montagna di cibo ridotta ad una piatta collina ed il povero gatto riverso con la bocca piena di croccantini e una pancia gonfia e squarciata: evidentemente, senza più alcun freno, aveva approfittato della manna ed aveva mangiato a crepapelle fino a scoppiare. In un epoca di diete, yogurt ed insalate, salutismo e colesterolo, basta un attimo di distrazione, la minima possibilità di trasgredire e di poter mangiare senza imposizioni e paure, per liberare la nostra atavica fame. Così sorridiamo divertiti davanti alla frenetica golosità del vecchio Carnevale che, incurante di tutto, impazzito, si è venduto persino il materasso, cioè ha rinunciato anche al sonno, per soddisfare l’imperio primitivo della gola, nel breve spazio di un giorno, in un atmosfera di gioia, di festa, di trasgressione, di abolizione di ogni vincolo e di concessa sospensione del buon senso. Senza limiti frittelle, cotechini, tarallucci. E vino a volontà. Poco importa se scoppia, mentre ancora continua a mangiare. Semel in anno licet insanire. Arrivederci, amico Carnevale, all’anno prossimo. (r.b.)

 CARNEVALE VECCHIO E PAZZO

Carnevale vecchio e pazzo
s’è venduto il materasso
per comprare pane e vino
tarallucci e cotechino.

E mangiando a crepapelle
la montagna di frittelle
gli è cresciuto un gran pancione
che somiglia a un pallone.

Beve e beve e all’improvviso
gli diventa rosso il viso,
poi gli scoppia anche la pancia
mentre ancora mangia, mangia

Così muore Carnevale
e gli fanno il funerale,
dalla polvere era nato
ed in polvere è tornato.

 Gabriele        D’Annunzio 

_________________

151° Unità d’Italia, Modena, 19 febbraio 2012

____________________________________

:roll: poesie

< alla sera < > la baia tranquilla >

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>