Italiani, dove siete ?

Oggi festività nazionale. Sarebbe ? “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”. Ignorata dai media, dalle forze politiche (giustificata solo la lega), dalle istituzioni. Eccetto la solita cerimoniosa passeggiata delle più alte cariche istituzionali all’altare della patria. Per il resto fette di salame fatte di campionato di calcio, di formula 1, di crescita economica e sblocca cantieri, di segretari e presidenti nel PD, appelli del papa, avvelenamenti di testimoni, di clima inquinamento vacanze, e chi più ne ha più ne metta. Ma quale italiano si è ricordato di che giorno è oggi ? Un paese che non ricorda di essere venuto al mondo, e quando e come e perché, è un paese che non sa nemmeno di essere tale, un non paese senza identità né speranza né futuro. Stiamo navigando in mezzo al mare, ma ignoriamo di essere insieme su una nave, né di essere partiti da qualche porto, né tantomeno se siamo diretti da qualche parte e quale sia. Anzi di recente è partito l’arrembaggio alle scialuppe delle autonomie regionali. L’Unità d’Italia è sotto attacco. Quest’anno  potrebbe essere con buone probabilità l’ultimo anno dello stato unitario italiano. L’oblio delle proprie radici, la non consapevolezza di essere comunità, il non riconoscimento dell’identità sono i sintomi della grave malattia. Forse è troppo tardi per guarire. Abbiamo un bisogno disperato di sentirci un popolo. Abbiamo un bisogno disperato di patrioti. Mattarella è già sul fronte. Ci sono altri volenterosi ? Senza dubbio. E’ mandatorio trovarli e lavorare insieme, con entusiasmo, con idee, con la lotta. Italiani, dove siete?

__________________________________

158° Unità d’Italia, 17 marzo 2019, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

la Repubblica riconosce il giorno 17 marzo, data della proclamazione in Torino, nell’anno 1861, dell’Unità d’Italia, quale “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera”, allo scopo di ricordare e rinnovare, nell’ambito di una didattica diffusa i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, nonché di riarmare e di consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica … (legge 23 novembre 2012, n. 222, art. 1, comma 3).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>