Ecco il sol ch’esce del mare

HÄNDEL, LA RESURREZIONE

L’8 aprile del 1708, domenica di Pasqua, a Roma, nel salone al pianterreno di Palazzo Bonelli, proprietà del marchese Francesco Maria Ruspoli, alla presenza di “molta nobiltà et alcuni porporati”, va in scena l’ “Oratorio per la Risurrettione di Nostro Signor Giesù Cristo”, musica di Händel, di cui il marchese è appassionato protettore. L’apostolo Giovanni conforta le donne spronandole ad aver fiducia nella promessa fatta da Gesù ai discepoli di tornare il terzo giorno. La sua fede è tale che la visione del sole sorgente dal mare nel giorno di Pasqua, gli fa credere che esso rappresenti l’aurora del vero Sole che oggi risorgerà. Il sole sorgente dal mare diventa dunque metafora, anzi la rappresentazione stessa della Resurrezione di Cristo. La splendida musica barocca non deve far altro che dipingere la veridica scena. Il ritmo rimbombante ed ostinato dei bassi simula la potenza che tutto travolge dell’astro nascente dal mare, del Dio che risorge vincitore sulla morte. E i violini, quando il sole già alto si eleva, spandono radiosi raggi in un trionfo di luce divina che pervade il cielo e fa scintillare il mare. Durata 3’ 33”.

play

________________________________________________________________

Georg Friedrich Händel, La Resurrezione, parte seconda, tenore Erik Stoklossa (San Giovanni), Orchestra barocca di Praga Collegium 1704, direttore Václav Luks

______________________

Ecco il sol ch’esce del mare

E più chiaro che non sòle

Smalta i prati, i colli indora.

Ma chi sa, che di quel Sole

Ch’oggi in vita ha da tornare

Questo sol non sia l’aurora.

________________________________________

154° Unità d’Italia, 4 aprile 2015, Beretta Roberto Claudio

____________________________

 :roll:   SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>