Bicipolitana

bicipolitanaNeologismo coniato a Pesaro per indicare il sistema di viabilità cittadino su piste ciclabili. Collega il centro con il lungomare, i quartieri e le zone periferiche. Come le sue sorelle maggiori sferraglianti e sotterranee ha una sua bella linea gialla, una verde, una blu … tutte numerate, dall’uno al sette. Sette linee per settanta chilometri. Sicure, perché non hanno spazi condivisi con le automobili. Collocate in spazi verdi o in ambienti naturali, per rendere piacevole la pedalata. Accattivanti e civettuole. La più bella è la linea uno, quella del lungomare. Sulla bicipolitana si viaggia (scommetto che l’avevate capito) con la propria bici, si va dove si vuole e quando si vuole, non ci sono attese, non si paga il biglietto, non si inquina, non si fa rumore, si chiacchiera con i vicini, si può fumare (se ci si riesce). La bicipolitana serve ai cittadini per raggiungere il posto di lavoro, la scuola, fare la spesa (anche e soprattutto in centro), andare al mare, in banca, al bar al cinema a teatro al museo, cazzeggiare, stare con gli amici, guardare le ragazze, fare attività fisica, prendere il sole. Pesaro è la prima città (insieme a Bolzano) per gli spostamenti in bicicletta. Circa il 30% degli spostamenti si fa con la bici. Trovare un auto in centro è impresa disperata. Altrove limiti di velocità molto stringenti e vigili all’erta (mica come in una certa città di mia conoscenza). Osservando sfrecciare sorridenti ciclisti donne eleganti bambini col casco nonne col cestino della spesa muscolosi palestrati impiegati bancari e pittoresche macchiette, a parte il contagio di bicipolitanare, verrebbe da dire che a Pesaro hanno trovato finalmente la ricetta per vivere felici.

_________________________________

154° Unità d’Italia, 2 luglio 2015, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>