Nessun dorma

PUCCINI, TURANDOT

nessun dorma

Ennesima rappresentazione dell’eterna forza dell’amore che tutto vince. In questo caso la vittima è la gelida principessa Turandot, prigioniera di un intimo giuramento di vendetta, che la costringe ad uccidere deliberatamente ogni pretendente. Tanto grande è l’odio che la divora, da essere vile al punto di non tener fede alla promessa di concedersi in sposa – il padre imperatore la vuole infatti maritare per ovvie ragioni di stato – a chi avesse sciolto tre enigmi di sua  proosta, ultimi diaframmi della propria inviolabilità. Chi sbaglia una sola risposta muore.

Solo la testardaggine di un principe ignoto (il suo nome si rivelerà poi essere Calef) e il generoso sacrificio della schiava Liù, saranno in grado di piegare Turandot e di restituirle la capacità di saper amare. Avuta salva la vita per aver risposto a tutti e tre gli indovinelli, davanti al rifiuto della principessa di sposarlo, Calef rischia una seconda volta proponendo che ella indovini il suo nome prima dell’alba. Se Turandot indovinerà, egli morirà, altrimenti dovrà cedere all’orgoglio ed amarlo.

Ecco dunque l’aria “Nessun dorma” con l’ottimistica fede di Calef nella vittoria, sicuro che nessuno conosce il suo nome all’infuori di sè, nome che pronuncerà all’alba sulla bocca di Turandot schiudendola all’amore, ecco l’inconcepibile ordine alle stelle di tramontare, ed il triplice trionfale “vincerò”. Un Pavarotti un po’ ingessato si ritrova infine nell’ acuto da cassetta. Durata 3’ 19”.

play

________________________________________________________________

(Giacomo Puccini, Turandot, atto terzo; tenore Luciano Pavarotti (Calef), direttore Zubin Mehta; Los Angeles, 1994;

______________________

Nessun dorma! Nessun dorma!

Tu pure, o Principessa,
nella tua fredda stanza
guardi le stelle
che tremano d’amore e di speranza.

Ma il mio mistero è chiuso in me,
il nome mio nessun saprà!
No, no, sulla tua bocca lo dirò,
quando la luce splenderà!

Ed il mio bacio scioglierà il silenzio
che ti fa mia.

…. voci di donne (le stelle) …

Dilegua, o notte! Tramontate, stelle!
Tramontate, stelle! All’alba vincerò!

________________________________________

154° Unità d’Italia, 2 maggio 205, Beretta Roberto Claudio

____________________________

  :roll:  SABATO ALL’OPERA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>