Il giro

All’oratorio fanno la giostra i bambini attorno al tavolo di gioco dalla rete spanciata, pigri al principio ed ammassati in una rotazione lenta, che si fa poi marcia con lo sbagliare dei colpi e il rarefarsi dei giocatori, in un crescendo di corsa, vertigine,┬ávortice, come viaggiatore che dai bracci della galassia si volga al suo cuore fulgente, verso quella sferetta bianca di plastica dura con solco equatoriale dove tende e cade ┬áil corpo con slancio, il braccio teso spasmodicamente per l’incontro fatale, fino a che tutto si placa nella calma della sfida finale. Piping pipong piping pipong piping pipong. Tre punti, due punti, un punto. E di nuovo tutti in cerchio alla periferia galattica per 😛 un altro giro di giostra.

Folla di bambini con calzoncini corti e colorati, magliette a righe orizzontali o tinta unita, maniche corte, canottiere. Ginocchia spelate. Alcuni stringono un ghiacciolo nella mano sinistra (si tratta del mitico “crippa raddoppia”). Quasi tutti una racchetta da ping pong nella destra. Dico quasi tutti perché il gioco è così attrattivo che ci sono più bambini che racchette disponibili. Le poche regolamentari fanno sfoggio nelle mani dei più grandi e dei più forti. Emettono un ping soffocato quando incontrano il bianco centro galattico. Una minoranza ha invece il foglio di gomma su un solo lato, sopraffatte dalla stragrande maggioranza di quelle senza gomma del tutto: paletta di legno e qualche residuo di colla. Rumore secco alternato a morbido a seconda del lato gommato, oppure rumore secco alternato a rumore secco. Si possono confondere con la rappresentanza delle senza gomma e senza manico. Identico rumore secco. Ultima la pattuglia delle senza gomma, senza manico, senza paletta. Zero racchetta. I bambini con questo tipo di presidio di gioco vogliono ugualmente, e possono naturalmente, giocare lo stesso. Ci sono due soluzioni. O fabbricarsi una zattera firmata, incrociando ortogonalmente i bastoncini dei ghiaccioli raccolti nel cortile, nelle due varianti con o senza manico. Soluzione infelice per l’imprevedibile direzione presa dalla pallina dopo ciascun impatto. Oppure giocare con la mano nuda. Non è difficile. Se tieni il palmo bene aperto e le dita estese e a contatto fra loro, si genera una superficie confrontabile con quella di una racchetta normale. Il colpo all’inizio viene un po’ moscio e supera sorprendentemente la rete, ma dopo un paio di tiri te la sai cavare con perizia. Del resto, si tratta di resistere qualche giro. Gli eliminati tendono a prestare la racchetta a chi non ce l’ha, a meno che non sei proprio un tipo antipatico.

Ad esempio a Maurizio non gliela presta mai nessuno la racchetta, perché quando ce l’ha, lui se la tiene per sé tutta la partita, anche se viene eliminato, e ciò accade regolarmente in ogni giro perché gli altri si mettono d’accordo per “schiacciarlo”, quello che viene prima alza e l’altro schiaccia, perché è antipatico a tutti. Così, quando arriva che il gioco è già cominciato, è costretto a farsi sempre il giro con le mani e quando, proseguendo il gioco, rimangono i migliori, senza racchetta diventa dura, e così finisce che perde sempre, quando ha la racchetta e quando non ce l’ha. E’ sempre immusonito, e si vede che ce l’ha con tutti. Ma è anche perennemente triste, perché non lo vuole nessuno. Si può fare qualcosa? E’ nato prima l’uovo o la gallina?

Oggi mi è venuta un’idea. Sono arrivato per primo e ho preso la racchetta migliore. Maurizio invece è arrivato in ritardo. Le racchette sono tutte prese. Quando comincia il giro faccio in modo di mettermi vicino a lui. Con la racchetta di piatto gli picchietto sul braccio per attirare la sua attenzione. Lo guardo e gli tendo la racchetta. Si sorprende e sembra non capire. Afferro la sua mano destra e gliela serro attorno al manico. Sorridiamo. Oggi gioco con le mani. E poiché lo precedo immediatamente, schiaccerò (sono un campione anche con le mani) il mio opponente, affinchè non possa a sua volta schiacciare ed eliminare Maurizio. Sono sicuro che oggi vince lui.

______________

151° Unità d’Italia, Modena 27 giugno 2012, Arturo

__________________________________________________

< don Ivan <   > la messe del granoturco >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>