San Martino

(Giosuè Carducci, Rime nuove, 1906) Un’atmosfera di pace interiore e di gioia, si diffonde da queste conosciute e vivide scene autunnali, le cui immagini dal burrascoso mare lentamente risalgono i colli maremmani irti degli invernali alberi spogli, attraversano l’antico borgo permeato dall’odore e rallegrato dal vino nuovo, entrano nelle case riscaldate dal calore dei ceppi accesi e dallo spiedo scoppiettante, si soffermano infine sul cacciatore, immobile sull’uscio immerso nei suoi pensieri, che si proiettano nel tramonto, capaci come uccelli di volare verso l’infinito cielo, cioè di contemplare e cogliere il significato della vita(r.b.)

SAN MARTINO

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
sull’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

______________

Giosuè       Carducci

_________________

Modena, 20 Novembre 2011, Beretta Roberto

 :roll:  poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>