Il primo giorno di scuola

Oggi primo giorno di scuola. Tre mesi di vacanza in campagna ed al mare come un lampo. Ma negli ultimi giorni si era insinuata nell’ animo mio una vaga tensione, un nascosto ed inconfessabile sentimento di nostalgia per i compagni, per l’odore dolciastro dei libri, per il rassicurante e protettivo calore della nostra aula con le sue carte geografiche e i nostri lavori appesi alle pareti, la nera lavagna, i tigli odorosi oltre la vetrata, i corridoi tanto immobili durante le lezioni quanto invasi da una confusione vociante nella ricreazione, e ancora una crescente curiosità di vedere il nuovo maestro, un’eccitazione per le novità, il desiderio di sfogliare i nuovi libri ed imparare cose nuove. Quest’anno poi, in quinta, saremo i più grandi, i veri protagonisti della scuola. Ieri sera ho preparato lo zainetto e ci ho messo dentro il libro di antologia e di matematica, nel caso che il maestro voglia cominciare a spiegare fin dal primo giorno; ho scelto il vestito: magliettina nera con fiocco e coprispalle, la gonna bianca, le scarpette argentate.

Un’insolita eccitazione guida i miei passi per l’usata via, fra i palazzi del centro squarci di cielo azzurro. Sui viali refoli di vento frizzante strappano le foglie rinsecchite dalla canicola dagli alberi e le fanno roteare lasciandole ai margini della strada diventati indeterminati. Al semaforo finalmente, il cuore mi salta nel petto, vedo il gruppo di bambini vocianti, i più piccoli aggrappati alla mano dei genitori, i grandi a capannello, e tutti grandi e piccini e genitori accalcati davanti all’ingresso, la pista ciclabile antistante ingombra, i radi ciclisti infuriati, suoni di campanelli, grida. Sulla strada automobili ferme in doppia fila, altre rassegnate in lunga coda davanti alle strisce pedonali, oggi i padroni della strada sono i bambini, incontenibili. Dò un bacio di saluto al papà e subito il mio sguardo cerca con ansia le compagne. Abbracci e felicità sui nostri volti. Un frenetico vortice di racconti di vacanze, di nomi di montagne, mari, città, località turistiche. Non trovo Marcella. La campana suona. Un coro di nooooo!

Spinti da una forza invisibile passiamo il buio atrio e corriamo su per le scale, qualcuno sgomita per essere primo in classe a scegliere i banchi migliori per sé e per l’amico del cuore. In quarta elementare Marcella era arrivata prima e dal banco smaniava e mi incitava perché mi affrettassi ad occupare il posto accanto. So che il primo banco non è molto ambito e perciò al mio arrivo è ancora libero. Mi siedo e metto il diario sul banco vicino, che sarà di Marcella, ma perché non arriva? Devo cercare di resistere, certo tra un istante si affaccerà tutta trafelata per la corsa alla porta – Possibile che sia in ritardo proprio il primo giorno ! Che figura! Il maestro sarà costretto a darle subito una nota, la prima nota, il primo giorno di scuola! Intanto volgendomi scorgo i compagni, quasi tutti seduti ai rispettivi banchi a difendere le posizioni conquistate coi denti. I maschi al solito smaniano si agitano urlano a piena voce. Conto: diciannove, con me e Marcella saremo in ventuno. In piedi a girovagare fra i banchi rimasti vuoti sono tre bambini nuovi, i quali hanno sostituito i bocciati della quarta. Uno è rotondetto e rubicondo e messosi a sedere già sta per mangiare una merendina presa dallo zainetto, il secondo è un africano che alla prima impressione mi pare annoiato ed assai svogliato, l’ultimo è un moldavo, saprò in seguito che da soli tre mesi è nel nostro paese, e perciò non conosce bene la nostra lingua, ma è curioso ed attento e non perde una parola quando parla il maestro.

Il quale maestro, appena appare sulla porta, ha il potere di far cadere istantaneamente i decibel a zero. Adesso un silenzio quasi sgomento (per i maschi, per me è come musica del paradiso) si è impadronito della classe. Il nostro nuovo maestro è alto, con le guance belle tonde, i capelli ricci e corti e neri, è senza barba, ha due rughe orizzontali accennate sulla fronte, la sua voce è robusta e rassicurante, ci guarda con benevolenza, è sereno, accogliente, ci sorride sempre.

Non vedo l’ora che inizi a fare la lezione, ho una voglia matta di imparare, e spero che ci dia tanti compiti da fare. Ecco il primo giorno di scuola è iniziato. Sono contenta … A pensarci bene però, mi sono scordata le interrogazioni e le verifiche! ecco, sì, devo confessare che queste sono cose della scuola che non mi piacciono, eh sì, non mi piacciono per niente,  non si potrebbero, ehm … eliminare ? … almeno quelle di matematica?

Modena, 21 settembre 2011

Beretta Roberto e Beretta Chiara

 :roll:  CUORE 150°

Liberamente ispirato al racconto “Il primo giorno di scuola”, Lunedì 17 Ottobre, Cuore, E. De Amicis

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

 http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Ottobre/Il_primo_giorno_di_scuola

Cuore torna il 28 settembre

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>