Il teatrino della giustizia

parcheggiare (1)

La condanna a tre anni di carcere per concorso in corruzione affibbiata all’ex-cavaliere avrebbe suscitato non molto tempo fa un atteggiamento di fiducia e di speranza verso la giustizia e le istituzioni, capaci di isolare e di punire un tentativo di corruzione, messo in atto da un uomo potentissimo, una delle massime cariche dello Stato, tanto pernicioso per la democrazia quanto farsesco e casereccio per la statura degli attori coinvolti. Eppure all’udire la sentenza del tribunale di Napoli una profonda amarezza ci ha pervaso, un misto di rassegnazione e di frustrazione, per l’irrealtà di questa dimostrazione di muscoli, di una pena inflitta ma non scontabile, di una prescrizione, unica certezza, che metterà fine a tanta fatica giuridica. Pena redenzione monito legge legalità giustizia. Tutte chiacchiere vuote. Anni di indagini, lavoro di uomini, carte da bollo, carabinieri, testimoni, soldi pubblici per arrivare a cosa? A dire che sì c’è stato un reato un colpevole una pena. Ma tranquilli, è tutta una finta, tanto non paga nessuno.

_________________________________

154° Unità d’Italia, 10 luglio 2015, Beretta Roberto Claudio

________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>