Contro il nucleare

Pebble_bed_reactor_scheme

  1. GLI INCIDENTI SONO RARI MA GRAVISSIMI. Benché si senta dire dagli addetti che le centrali nucleari di ultima generazione abbiano un elevato livello di sicurezza, non bisogna dimenticare che anche le centrali di Three Miles Island (1979), di Chernobyl (1986) e Fukushima (2011) furono a suo tempo considerate sicure. Gli incidenti noti sono stati pochi, ma le conseguenze sono state purtroppo drammatiche per le popolazione nelle immediate vicinanze, ancora oggi non si conosce il reale impatto sulla salute dell’ incidente di Chernobyl. Si tratta quindi di chiederci se siamo disposti ad accettare un incidente nucleare altamente improbabile nel suo verificarsi ma gravissimo nelle conseguenze sulla popolazione. In altri termini qual’ è il livello di rischio accettabile ?
  2. QUANTE SONO LE SCORTE MONDIALI DI URANIO ? Non esistono dati ufficiali sull’ estrazione annuale di uranio. I dati sono coperti dal segreto militare o di Stato. Non sappiamo quanto uranio c’è nel mondo né dove esattamente. Se vi sarà un penuria del minerale per esaurimento dei giacimenti, i costi lieviteranno inevitabilmente, e tornerà il problema della dipendenza dall’ estero dell’ energia, chi saranno i nuovi sceicchi ?
  3. SCORIE RADIOATTIVE. Le scorie radioattive devono essere immagazzinate per migliaia di anni. Nessun paese al mondo è giunto ad una soluzione definitiva dello stoccaggio delle scorie.
  4. RIFIUTI RADIOATTIVI. Gli oggetti e i metalli esposti a radiazione nelle centrali nucleari diventano essi stessi radioattivi. Al termine dell’ attività di una centrale, i materiali componenti devono essere trattati come rifiuti speciali e smaltiti. Questo implica elevati costi di smantellamento della centrale, che non vengono conteggiati nel costo unitario per kilowattora.
  5. CONSEGUENZE A DISTANZA DEGLI INCIDENTI e RESPONSABILITA’. Le conseguenze degli incidenti si evidenziano anche a grandi distanze. Se una regione accoglie una centrale nucleare, si assume la responsabilità morale e civile (in termini di risarcimento danni) dei danni provocati alla popolazione del restante paese, che magari si è espressa contro il nucleare. Naturalmente gli effetti della dispersione delle sostanze radioattive diminuiscono inversamente al quadrato della distanza dalla centrale, e di conseguenza anche gli effetti biologici, perciò è molto meglio essere sempre più distanti piuttosto che vicini alla centrale, contrariamente all’ argomentazione secondo cui anche se non facciamo le centrali nucleari, subiamo tuttavia gli effetti negativi per la salute delle radiazioni disperse (e senza i vantaggi dell’ energia prodotta) perché ce le abbiamo tutte attorno (Svizzera Francia Germania): come se, non potendo eliminare quelle, e gli eventuali danni causati, possiamo a cuor sereno mettere le nostre, incrementando così il rischio di danni, poiché avere più centrali, e per giunta più vicino, significa aumentare la probabilità che si verifichi un incidente con conseguenze più gravi.
  6. LE CENTRALI SERVONO PER PRODURRE ARMI NUCLEARI. Il plutonio utilizzato nelle bombe atomiche è prodotto della fissione dell’ uranio arricchito che avviene nelle centrali nucleari per la produzione di energia elettrica ad usi civili. Ricordiamo come non si sia ancora spenta l’ eco delle pressioni internazionali esercitate dall’ occidente sull’ Iran per impedire i processi di arricchimento dell’ uranio e la costruzione di centrali nucleari, tappa necessaria per ottenere plutonio a scopi militari per la produzione di armi nucleari
  7. ALTO COSTO COMPLESSIVO DEL NUCLEARE. Oltre al costo di esercizio di cui ho già detto, bisogna considerare i costi per la costruzione della centrale, i costi militari per la sicurezza nel trasporto ed immagazzinamento del combustibile, lo stoccaggio ed il trasferimento delle scorie e la protezione da attentati terroristici, i costi per lo smantellamento della centrale al termine dell’ esercizio, il trattamento delle scorie. I costi sono così elevati che possono essere sostenuti solo da uno stato. Il che significa maggiori tasse per i cittadini.
  8. TEMPISTICA. Una centrale nucleare che inizi oggi l’ iter di costruzione, vedrebbe la luce fra 10 anni nella migliore delle ipotesi (già il governo parla di moratoria). E nel frattempo ? Aspettiamo ? non sarebbe più facile mettere un panello fotovoltaico sul tetto ? Almeno di giorno quando c’ è il sole avremo energia elettrica. O una pala eolica ? quando c’ e il vento, e sicuramente in questi dieci anni qualche volta ci sarà, avremo energia elettrica.
  9. LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI. Not in my back yard (nimbi). Poichè il nucleare viene percepito come una minaccia, nessuno lo vuole vicino a casa propria. Il 15 maggio in Sardegna si è svolto un referendum consultivo regionale sul nucleare con affluenza del 60%: gli elettori contrari all’ installazione di centrali nucleari e di siti di stoccaggio di scorie radioattive è stata del 98%. Dunque già sappiamo che in Sardegna non si potranno fare.

Modena, 5 giugno 2011

Beretta Roberto

____________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>