Festa 152┬░ Unit├á d’Italia

1. Le prime elezioni del nuovo regno si erano svolte il 27 gennaio 1861. Suffragio ristretto, per sesso, per età, per censo. Maschio, venticinque anni compiuti, facoltoso, questo l’identikit del primo parlamentare italiano. La soglia di quaranta lire di tasse versate all’anno, unita ai vincoli anagrafici, aveva ridotto il corpo elettorale potenziale a soli 418.000 iscritti al voto. Sebbene la provenienza degli eletti da tutti i regni preunitari, attestava la volontà di unificazione delle popolazioni italiane realizzata de facto attraverso i plebisciti dell’anno prima, nei quali ducati e regni e provincie di stati avevano chiesto l’annessione al Regno di Sardegna, lo sbarramento del censo, ed altri impedimenti quali il collegio uninominale, nonché l’ampliamento numerico della densità delle circoscrizioni (da trentamila a cinquantamila abitanti), avevano sortito l’effetto di spostare il baricentro della rappresentanza verso il nord, più popoloso e ricco. Continua a leggere →