San Martino del Carso

(Giuseppe Ungaretti, 27 Agosto 1916). La guerra ha cancellato uomini e cose, ma non ha risparmiato i sopravvissuti, ai quali infligge il ricordo di ciascun caduto, che accresce il dolore e la sofferenza per l’amico perduto. Lasciando la dimensione storica, questo paese del Carso distrutto dalla follia di una guerra dall’eco ormai spenta nei nostri cuori, diviene metafora del mistero della vita degli uomini, cui vengono a mancare, nel lento ed ineluttabile trascorrere degli anni, gli affetti, gli amici, le infinite persone che casualmente hanno condiviso qualche tratto del loro cammino, nonché i luoghi cari, spesso irrimediabilmente cancellati dalla trasformazione della società e dall’inarrestabile progresso. Al posto di ogni cosa e di ogni uomo sopravvive in noi una lacuna, incancellata ed incancellabile dalla memoria, ed il ricordo di ciò che è stato perduto, non fa che aumentare una rassegnata sofferenza ed il dolore per la mancanza di una tessera nel mosaico della nostra vita.

(Modena, 6 Novembre 2011, Roberto Beretta).

San Martino del Carso

Di queste case
Non è rimasto
Che qualche
Brandello di muro
Di tanti
Che mi corrispondevano
Non è rimasto
Neppure tanto
Ma nel cuore
Nessuna croce manca
E’ il mio cuore
Il paese più straziato

_____________________

Giuseppe   Ungaretti

________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>