Fratelli d’ Italia

Dunque il veneto, il lombardo, il romagnolo, il genovese, e fanno quattro, il fiorentino cinque, il romano, il napoletano sette, il calabrese Coraci, la mascotte della scuola, otto, aggiungi il piemontese nove, il sardo ed infine il siciliano fanno undici. Il buon Edmondo si è sbagliato nel contare ? o ha dimenticato qualche pezzo d’ Italia ? ci aveva detto che saremmo stati in dodici a presentare gli attestati dei premi alle autorità alla premiazione di domani. Come ogni anno, i migliori alunni delle scuole della città sono premiati sul palcoscenico del teatro municipale, davanti al sindaco ed a tutta la cittadinanza, con grande pompa.


Il municipio, che si sta dando un gran daffare per farci sentire tutti un solo popolo, quest’ anno ha voluto che i ragazzi che porgono i premi alle autorità non venissero scelti a caso, ma da ogni parte d’ Italia. Come se fosse l’Italia stessa a premiare le sue migliori giovani speranze del futuro. Una piccola bandiera di bambini, ma non meno simbolica di quella grande degli adulti, a rappresentare l’unità d’Italia
.

Domani in teatro sarà un gran giorno di festa, ci saranno le autorità, e cioè il sindaco, il prefetto, l’assessore, il provveditore, i maestri ed i bambini di tutte le scuole, i genitori, la banda musicale. Ma i veri protagonisti, saremo noi bambini d’ Italia, così diversi e così uguali, che abbiamo lavorato con fatica per imparare sui banchi di scuola come costruire il nostro grande paese. Noi assistenti alla premiazione avremo anche il compito di cantare “il canto degli italiani”, un inno che i patrioti cantavano sulle barricate durante le insurrezioni e sui campi di battaglia del risorgimento. Le parole furono scritte da un giovane poeta di nome Goffredo Mameli, genovese, ferito ed ucciso a 22 anni mentre combatteva per fare l’ Italia. La musica è del tenore e compositore di inni patriottici Michele Novaro, sconosciuto ai più, anche lui nato a Genova, ma vissuto a Torino. Il nostro maestro vuole che impariamo a memoria questa canzone, dalla prima all’ ultima strofa. Tutti insieme sul palcoscenico con la banda intoneremo l’ attacco, che è la parte più bella, con il grido che ci chiama “Fratelli d’ Italia”, e chiama a raccolta tutti gli italiani a cui viene dato nei versi successivi una grande nuova. Insieme faremo anche il ritornello che chiude ogni strofa. Quattro di noi poi sono stati scelti per cantare a turno da solisti una strofa dell’ inno. A me è toccata la seconda. Quella in cui il poeta dice che la divisione, il qualunquismo e l’ indifferenza sono le nostre grandi debolezze, che ci fanno soccombere davanti alle grandi potenze e che fanno sorridere di noi gli stranieri, ma che ora finalmente abbiamo una grande speranza, perché è giunto il momento che tanto aspettavamo, di conoscerci e di lavorare insieme al progetto di costruire un unico grande paese, sotto la nostra bella bandiera tricolore.

 :roll:   CUORE 150°

Chiara e Roberto Beretta

Modena, 25 maggio 2011

Liberamente ispirato al racconto “La vigilia del 14 marzo”, marzo 13 lunedì, Cuore, E. De Amicis

____________________________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Marzo/La_vigilia_del_14_marzo

Cuore torna mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>