Servire lo Stato

Il nuovo pontefice, papa Francesco, ha liquidato la questione in due parole “Il vero potere è il servizio”. L’urgenza e la radicalità della domanda di cambiamento nella chiesa cattolica ha trovato soluzione programmatica immediata nella riproposizione del millenario messaggio evangelico, “colui che vorrà essere il primo fra voi, sia vostro schiavo, come il figlio dell’uomo, che non è venuto per essere servito, ma per servire” (Matteo, 20, 27-28). L’idea (purtroppo antica), ma sempre rivoluzionaria del pontefice, non poteva non influenzare positivamente la politica italiana, inseguita dalle numerose istanze di rinnovamento della società civile. Così i due neopresidenti di Camera e Senato, hanno incitato i colleghi a cambiare vita, “facciamo di questa Camera la casa della buona politica” (on. Laura Boldrini, Presidente della Camera), e con maggiore enfasi ed entusiasmo, “questa politica ha bisogno di essere cambiata e ripensata dal profondo [ÔǪ] sogno che questa scelta possa contagiare tutte quante le altre istituzioni” (on. Grasso, Presidente del Senato). 😛 Il loro stesso curriculum è manifestazione dei primi tentativi di cambiamento. ┬áIl partito di maggioranza relativa ha dato segni di voler assecondare il nuovo corso. Refrattaria ed analfabeta la destra, interprete massima di cosa non è e non deve essere la politica, che per consentire ad un suo esponente di continuare a sfuggire al giudizio della magistratura, non perde occasione per porsi al di fuori del recinto della democrazia in ogni tempo e in ogni modo, manifestando contro le istituzioni della repubblica. I grillini, principali interpreti ed artefici delle richieste di rinnovamento sembrano invece incapaci di interpretarlo, dimenticando di promuovere la concordia, prigionieri di una sterile campagna di invettive contro tutto e tutti, senza distinguere il grano dal loglio, pronti a portare l’Italia verso una crisi esiziale. La via di salvezza pu├▓ essere solo nella ricerca del bene comune, che si ottiene con la rinuncia ai privilegi, ai vantaggi personali, alle invettive ed agli odi. Facendosi la domanda essenziale: “In questo momento, qual è il bene per il nostro paese?”. Occorre declinare e fare proprio l’invito che papa Francesco rivolge a sè stesso, alla chiesa, all’umanità, alla politica forse.

Il comandamento laico equivalente alla massima del pontefice potrebbe essere: “Servire lo Stato”. Quest’imperativo morale era uno dei fondamenti della democrazia ateniese e della repubblica romana. L’amministratore della cosa pubblica si fa interprete delle istanze di ogni gruppo, tralascia l’interesse personale, sacrifica sé stesso, decide ed agisce a vantaggio di tutti, seguendo giustizia ed onestà. “La politica è un servizio totale” (G. Dossetti).

Dobbiamo considerare l’amministrazione della cosa pubblica come un servizio totale del cittadino verso la comunità. Scopo della politica è la ricerca del bene comune, che si realizza mediante la ricerca e l’attuazione di condizioni di vita decorose per tutti i cittadini, e nell’assicurare a ciascuno di essi la possibilità di costruire il suo destino secondo le personali aspettative, interessi, e capacità.

______________________________

152° Unità d’Italia, 23 marzo 2013, Beretta Roberto Claudio

_______________________________________________________

notizie di cronaca, politica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>